Volano frizione: come capire se è rotto e da sostituire

108730 0
108730 0

Una delle situazioni più gravi che può accadere ad un’auto di nuova concezione è proprio la rottura del volano frizione: in cosa consiste e perché succede.

Volano frizione rotto

Quando si sentono delle vibrazioni e un fischio rumoroso durante la guida dell’auto e da fermi, è il caso di allarmarsi: tra le ipotesi di danno c’è quella più temuta della rottura del volano frizione. Questo componente è “gioia e delizia” delle auto di nuova generazione in cui il potenziamento dei motori ha reso necessario passare da un volano mono-massa ad uno bi-massa, ossia più pesante e diviso in due semi-sfere.

Nel funzionamento di un volano frizione interviene un fenomeno fisico detto della “risonanza”: se un disco pesante come il componente in questione deve ridurre l’effetto sonoro che essa provoca, allora deve dividersi – diventando bi-massa – per ridurre l’attrito: ma questo ne determina la maggiore delicatezza e la conseguente notevole riduzione del ciclo di vita. I sintomi sono:

  • Uno “strappo” durante il rilascio della frizione in fase di partenza, oppure
  • Un rumore proveniente dalla frizione diverso quando il cambio è in folle o in marcia
  • Un effetto di “strascico” nel rilasciare la frizione.

Usura volano frizione

La rottura del volano è comunque un evento casuale anche se si può prevedere per alcuni marchi di auto che ne sono particolarmente soggetti. Un altro criterio è l’uso del veicolo: le auto che fanno percorsi brevi, quindi accendono e spengono frequentemente il motore, sono più facilmente soggette alla rottura del volano.

Bisogna tenere in conto, oggi, che dopo circa 80 mila chilometri – a volte anche 30/40 mila – l’evento disastroso può accadere e che bisogna fare in tempo un controllo: ciò consiste nel verificare se la colorazione del volano è scura a causa di shock termici, se è ossidato o se ha perso la sfericità della forma, se ci sono rigature sulla superficie o se i cuscinetti sono grippati. Inoltre, prima dell’eventuale sostituzione del componente bisogna considerare l’età dell’auto – se troppo vecchia non conviene! -, se e quando si presume che possa rompersi definitivamente e i costi.

La rottura del volano frizione rende indispensabile la sua sostituzione. Il tipo bi-massa non prevede necessariamente anche la sostituzione della frizione ma il costo basso di questa rispetto all’insieme degli interventi previsti – smontaggio, sostituzione e montaggio di diverse componenti – rende la scelta quasi obbligatoria.

Ultima modifica: 24 novembre 2017