Check-up auto:quando e cosa controllare

688 0
688 0

Oltre che una passione, l’automobile nella maggior parte dei casi è una gran comodità. Per fare in modo che la nostra fedele compagna di viaggio duri il più possibile e che si conservi in buono stato, in modo tale da garantire anche adeguati standard di sicurezza e conformità, è necessario avere qualche accorgimento in fatto di manutenzione e controllo. Nonostante le auto moderne richiedano sempre meno interventi di manutenzione, ciò non significa che non meritino un occhio di riguardo. Oltre ai controlli prestabiliti, sarebbe buona abitudine controllare periodicamente alcune delle componenti che costituiscono la nostra automobile. In questo modo, nel caso in cui ci fosse anche solo un minimo problema, sarà possibile risolverlo tempestivamente oppure tenerlo d’occhio ed evitare che la gravità della situazione aumenti, andando a minare, non solo il buon funzionamento del veicolo, ma anche la sicurezza. Come non bisogna dimenticarsi di effettuare un regolare check-up auto, non è nemmeno necessario eseguire controlli maniacali e compulsivi, vediamo quindi quando e cosa è consigliabile controllare.

Quando e cosa controllare 

I controlli obbligatori e prefissati per la verifica del buon funzionamento dell’auto aiutano a garantirne gli standard di funzionalità e sicurezza. Dal momento che questi controlli rappresentano già di per sé una spesa significativa per quanto riguarda il budget destinato alle quattro ruote, la tentazione è quella di sottovalutare i piccoli segnali di problemi che intercorrono tra i vari controlli ufficiali, posticipandoli alla data di scadenza. Tuttavia, come anche in tanti altri casi, una corretta manutenzione, una cura extra per i dettagli e qualche check-up auto straordinario, aiuteranno a fare in modo che le spese da sostenere in futuro per eventuali riparazioni siano di entità minore.

Tra le prime cose da tenere sotto controllo ci sono sicuramente gli pneumatici, per i quali è necessario tenere d’occhio non solo lo stato di usura, ma anche la pressione di gonfiaggio. Generalmente, secondo le norme vigenti, andrebbero sostituiti prima di raggiungere il limite minimo di battistrada di 1,6 millimetri. La pressione di gonfiaggio, invece, è molto importante sia per la sicurezza che per ridurre i consumi di carburante.

Uno degli elementi spesso sottovalutati sono poi le spazzole dei tergicristalli e, con un regolare check-up, potrete quindi anche verificare lo stato di questa componente. Nonostante non possano compromettere il corretto funzionamento della macchina, si tratta di una parte di fondamentale importanza dal momento che sono legate alla buona visibilità. Le spazzole dei tergicristalli andrebbero sostituite ogni anno o, in ogni caso, nel momento in cui si nota che non svolgono il loro compito in maniera regolare. Per lo stesso motivo, è necessario anche controllare il livello del liquido lavavetri, dal momento che non tutte le automobili sono dotate di una spia che ne indichi la mancanza.

Sempre legato alla visibilità, c’è poi l’impianto di illuminazione per il quale è bene controllare periodicamente il corretto funzionamento delle luci esterne. Fanno parte di un check-up auto competo e affidabile anche la verifica dell’olio del motore e del liquido di raffreddamento. È bene poi controllare anche il buono stato dell’impianto di frenata, verificando dunque pastiglie, dischi e tubazioni, così come un occhi di riguardo non deve essere negato alla batteria. Soprattutto prima di affrontare un tragitto lungo, è consigliabile assicurarsi riguardo al livello di carica della propria batteria, onde evitare di ritrovarsi a piedi. Una volta controllata la carica è anche consigliabile avere sempre in auto i cavi rosso e nero.

Queste sono solamente alcune delle componenti più evidenti da controllare, molte altre parti dell’auto restando nascoste possono nascondere malfunzionamenti che potranno essere svelati solamente attraverso un controllo più approfondito. Durante un check-up, per esempio, si può rilevare il malfunzionamento di componenti come ad esempio la cinghia di distribuzione. Se ci si accorge per tempo di un problema di questo tipo, è possibile sostituire il pezzo spendendo una somma contenuta, in modo tale da evitare danni di entità maggiore, anche dal punto di vista del prezzo. L’improvvisa rottura della cinghia potrebbe infatti procurare danni gravi al motore.

Per quanto riguarda le tempistiche consigliabile tra un check-up e l’altro, ogni casa automobilistica ha i propri parametri, ma è possibile stabilire delle linee guida che siano valide per le automobili di qualsiasi tipo. Molto dipende dal tipo di veicolo, dall’anno di produzione e soprattutto dai chilometri che si percorrono durante il corso dell’anno, tuttavia, è consigliabile effettuare un check-up auto completo con cadenza annuale.

È altresì consigliabile portare la propria automobile dal proprio meccanico o officina di fiducia per sottoporla ad un check-up prima di affrontare un lungo viaggio, in modo tale da poter partire senza troppe preoccupazioni. Una verifica delle componenti dell’automobile non garantisce in maniera assoluta che non succederà nulla, i guasti improvvisi sono sempre imprevedibili, ma per lo meno garantisce che tutto è in buono stato al momento della partenza. Un’auto in cui tutto funziona a dovere, i consumi sono anche mediamente minori rispetto ad un modello identico non mantenuto allo stato ottimale.

check-up auto

Tagliando, revisione e check-up

Gli strumenti di controllo a disposizione per garantire il buono stato dell’auto sono più di uno e, alcuni di questi sono anche obbligatori per legge. Si tratta della revisione auto che non va confusa con tagliando e check-up. Se tagliando e check-up possono essere considerati come interventi di controllo preventivi, alla revisione non si può sfuggire. Questo controllo è imposto dal Ministero dei trasporti stesso, per garantire che tutte le auto in circolazione mantengano i requisiti tecnici e di sicurezza nel tempo. In questo caso, in oltre, la scadenza non è arbitraria, ma è indicata sul talloncino apposto sul retro del libretto, oltre che verificabile sul portale dell’automobilista.

Il tagliando invece, non ha scadenze temporali imposte, ma, a seconda dell’auto, va effettuato al raggiungimento di una soglia chilometrica. Il check-up auto, infine è uno strumento di controllo libero e arbitrario, anche se, come finora spiegato, fortemente consigliabile, dal momento che può aiutare a prevenire ed evitare danni al veicolo, ridurre i consumi e, non meno importante, essere sicuri dell’affidabilità e sicurezza della propria auto.

Ultima modifica: 17 marzo 2020