Cerchioni in lega o in ferro: le differenze

32969 0
32969 0

Cerchioni, come scegliere quelli più funzionali alla nostra auto? Vediamo le differenze tra quelli in ferro, più comuni, e quelli in lega, più costosi

Cerchioni, unico elemento di contatto, oltre i pneumatici, tra l’automobile e la strada. Ecco perché dobbiamo comprendere pienamente le peculiarità di quelli in lega e quelli in ferro, le differenze (anche nel prezzo), e capire quale convenga di più per il nostro veicolo

Cerchioni, una scelta ardua. Spesso, infatti, nell’automobilista medio non è ben chiara la differenza esistente tra i cerchioni in ferro di una vettura, decisamente più comuni e diffusi, e quelli in lega, generalmente montati su automobili di lusso o di grossa cilindrata. Di conseguenza, anche più costosi rispetto ai primi. A primo impatto, i cerchioni in ferro ed in lega differiscono per una mera valutazione estetica, poiché i secondi rapiscono di più l’occhio. Ma è soltanto questa la caratteristica che li differenzia? Non è propriamente così.

Cerchioni in lega ed in ferro, tutte le diversità

Il cerchio, unitamente al pneumatico, è l’unico punto di contatto che un’automobile ha con la strada. Per questo dovrà avere, necessariamente, una robusta struttura che possa sopportare forti vibrazioni ed oscillazioni, sollecitazioni meccaniche e, di conseguenza, assicurare una guida confortevole. Se, poi, il design è accattivante, meglio ancora.

I cerchioni in lega, rispetto a quelli in ferro, sono più leggeri: il minor peso incide, in particolare, sulla sterzata e sulla frenata. Facilitano la ventilazione del freni a disco, i quali, durante il periodo estivo o, comunque, più caldo, tendono al surriscaldamento. Inoltre, con i cerchioni in lega, si registra anche un minimo risparmio di carburante.

Costano di più rispetto ai quelli più comuni in ferro, in base alla misura prescelta, dalla composizione della lega metallica con cui sono realizzati e dallo stile in cui sono stati realizzati. Tra gli altri ‘difetti’, oltre al prezzo più alto di quelli base, possiamo annoverarne senza dubbio un altro: qualora, nella marcia su strada, si prendano delle buche, o, magari, si finisca con forza a ridosso di un marciapiede, i danni riportati dai cerchioni in lega sono spesso non riparabili. In tal caso, abbandonando totalmente l’idea di improvvisarsi meccanici, si può soltanto sperare che i macchinari della moderna tecnologia, in grado di rimodellare, con una pressa, la parte deformata, facciano il miracolo evitando, così, che il malcapitato automobilista metta mano al portafoglio per comprare un cerchione nuovo.

Cerchioni in ferro

I cerchioni in ferro, invece, montati su auto di piccole dimensioni e sulle utilitarie, hanno un costo più basso ed accessibile, e, tra le loro caratteristiche principali, c’è la capacità, soprattutto in inverno e nei periodi freddi, di resistere ottimamente alle basse temperature. Logicamente, questi cerchioni sono riparabili con estrema facilità: in caso di urti violenti, possono essere riportati senza alcun problema alla forma originale e verniciati ogni volta che si vuole.

Ultima modifica: 24 aprile 2017