Suzuki Swfit Web Limited Edition, serie speciale: solo 10 esemplari

1165 0
1165 0

Suzuki Swfit Web Limited Edition. La quinta generazione della piccola giapponese, arriva in anticipo sul mercato con una serie super limitata di soli 10 esemplari. Ordinabili solo sul sito della Casa. Dotata dell’efficiente motore 1.0 Boosterjet Hybrid, con estetica BiColor, con tetto e spoiler grigio opaco è disponibile a un prezzo di 16.900 euro.

Con l’acquisto è incluso il corso di guida in pista.. I colori sono: Bianco Artico, Argento New York, Grigio Londra, Nero Dubai, Rosso Cordoba e Blu Azzorre.

Look speciale con: griglia anteriore a nido d’ape, con cornice e listello centrale cromati. Così come cromate sono le calotte dei retrovisori e le cornici dei fendinebbia. Gli interni presentano inserti sulla plancia, sulle portiere e sulla consolle centrale in Pearl White, per i tappetini dedicati e una targhetta identificativa e personalizzata dal cliente.

Assistenza alla guida made in Suzuki, con “attentofrena”, “guidadritto” e “restasveglio”. Presente un sistema di infotaintment completo, con un display da 7” con connettività per smartphone (tramite Apple CarPlay, Android Auto e Mirror Link). Infine ci sono la tecnologia MYDRIVE e il navigatore con mappe tridimensionali.

Suzuki Swfit Web Limited Edition è quasi full optional. Con: cerchi in lega da 16″ bicolore, fari full LED anteriori con abbaglianti automatici, volante sportivo multifunzione, climatizzatore automatico. E ancora: Adaptive Cruise Control, telecamera posteriore, sistema “chiavintasca” Keyless, sedili anteriori riscaldabili.

Suzuki Swfit Web Limited Edition, cuore efficiente

Sotto al cofano il motore turbo 1.0 da 112 cv e 170 Nm di coppia, abbinato alla tecnologia Hybrid. Ovvero il sistema ISG (Integrated Starter Generator). Che integra tre componenti: motore elettrico, alternatore e motorino di avviamento. Eroga potenza a supporto del motore in di accelerazione e ripresa. Sfruttando l’energia elettrica prodotta in fase di frenata e accumulata in una batteria al litio.

 

Ultima modifica: 14 marzo 2017

In questo articolo