Italian Bike Festival 2020, a Rimini la voglia di bici batte il Covid

347 0
347 0

La passione per la bici è contagiosa a Rimini. E più forte della paura di contagi. E’ partita subito con migliaia di visitatori ieri l’Italian bike festival di Rimini.

Nemmeno la pandemia ha fermato la manifestazione dedicata agli amanti delle due ruote, che «quest’anno – dicono il sindaco Andrea Gnassi e gli organizzatori Francesco Ferrario e Fabrizio Ravasio – sarà l’evento di punta del settore, in Italia e non solo». Anche perché molte fiere e manifestazioni dedicate al ciclismo sono saltate, a causa dell’emergenza sanitaria. Non l’Italian bike festival, che si è aperto ieri con un bel colpo d’occhio, di pubblico e di espositori.

Oltre 300 i marchi e le aziende del settore che si sono dati appuntamento nel grande villaggio (oltre 45mila metri quadrati) allestito tra piazzale Fellini e il lungomare. Un vilaggio occupato da stand, area per i test delle bici e per le esibizioni, spazi per incontri e molto altro ancora.

Il festival è stato rivisto e rioganizzato per rispettare le norme anti-Covid e ridurre il rischio di contagi. Gli ingressi sono popolati da steward (una quarantina) che presidiano la manifestazione, che proseguirà anche oggi e domani. A loro il compito di misurare la temperatura a tutti i visitatori, che per entrare devono prima iscriversi e registrarsi sul sito del festival.

Gli addetti alla sicurezza hanno il compito di gestire i flussi e tenere monitorato il numero di visitatori presenti contemporaneamente nel villaggio. Ma gli spazi sono talmente grandi che all’Italian bike festival possono starci migliaia di persone alla volta. Tanto che, se il tempo reggerà anche oggi e domani, gli organizzatori prevedono complessivamente 30mila persone alla manifestazione.

Anche il Re Leone a Italian Bike Festival 2020?

Nonostante si stiano correndo in questi giorni il Tour de France e la Tirreno-Adriatico, non mancheranno i volti noti del mondo del ciclismo (e non solo) a Rimini anche in questa edizione. Attesi, tra gli altri, il ’re leone’ Mario Cipollini, Alessandro Vanotti e anche il ct della nazionale (e presidente di Apt) Davide Cassani, ieri però costretto a dare forfait al taglio del nastro per altri impegni.

A dare il via alla manifestazione ieri mattina ci hanno pensato allora l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini, Gnassi, il direttore di Apt Emanuele Burioni, Ravasio e Ferrario, gli organizzatori e ideatori della manifestazione. Tra i primi ospiti, nella giornata di ieri, il pilota romagnolo Marco Melandri, ora appassionato ciclista, e Omar Di Felice, famose per le sue imprese ciclistiche in solitaria.

Manuel Spadazzi

Italian Bike Festival 2020, la fotogallery

Ultima modifica: 14 settembre 2020

In questo articolo