Hyundai Kona Hybrid, prova su strada. La green da 20 km/litro | VIDEO

2876 0
2876 0

Kona Hybrid porta in dote ed esalta lo storico spirito innovatore di Hyundai. Completando la gamma del SUV compatto coreano che dispone già di versioni Diesel, benzina ed elettriche.

Mobilità sostenibile è l’imperativo per tutti, Hyundai nel mondo ha già immatricolato 600.000 auto elettriche: il piano prevede entro il 2025 ben 44 modelli elettrificati sul mercato.

Hyundai Kona prova su strada

La gamma intera è green da cima a fondo, mild hybrid, full hybrid, plug-in hybrid, full electric e a idrogeno l’asso futuro di Hyundai, che da qui al 2030 investirà ben 6,7 miliardi di dollari nelle fuel cell.

Kona Electric, la prova su strada di QN Motori

In Italia il mercato delle elettrificate vale attualmente circa 130.000 auto l’anno. Saranno poche elettriche, 11.000, e ancor meno plug-in ibride, 5.000. La parte del leone la faranno le ibride. E Kona Hybrid in 4,17 metri concentra numerose doti.

Scheda Tecnica Hyundai Kona HEV

Il powertrain ibrido è una sicurezza, quello i Ioniq, composto dal 1.6 benzina da 105 cavalli e dal motore elettrico che eroga 43,5 cv. La potenza di sistema è di 141 cavalli, ma soprattutto è la coppia di 265 Nm a renderlo molto elastico. Grazie anche all’abbinamento col cambio automatico a doppia frizione DCT dotato di 6 marce. Si differenzia dalla altre Kona per il logo e i cerchi specifici.

Listino Kona HEV

Il prezzo parte da 26.300 euro per la versione d’attacco XTech, che grazie allo sconto, con permuta e finanziamento scende a 22.600 euro. A crescere gli allestimenti XPrime ed Exellence, fino a un massimo di 32.000 euro. Scenografici il touchscreen in plancia da 10’25” e il quadro strumenti ad alta definizione di serie sull’allestimento Exellence, che prevede anche fari full led head up display, sistema audio a 8 canali  e sellerie in pelle.

Kona Diesel, la prova su strada di QN Motori

Il top di gamma aggiunge agli ADAS di base, sistema di mantenimento della corsia e di rilevamento della stanchezza del conducente, il pacchetto Smart Sense. Che prevede: Rear Cross Traffic Collision Warning, assistenza anti-collisione frontale con riconoscimento veicoli, pedoni e ciclisti, monitoraggio angoli ciechi, e oscuramento dei fari abbaglianti.

Disponibile in 10 colori, tra i quali il Blue Lagoon dedicato a Hybrid. Possibile con Kona Exellence, anche il tetto con 2 colori a contrasto. Per la connettività e i comandi da remoto c’è il nuovo sistema Bluelink, con una SIM installata su Kona di serie sempre si Exellence e su XPrime nel Techno Pack.

Come va Kona Hybrid

Su strada  ha mostrato doti non comuni. Guida precisa, a tratti anche divertente. Personalità, con uno sterzo solido in marcia e leggero in manovra. Soddisfacente anche il comfort. Queste sono le caratteristiche, assieme alla buona abitabilità e a un bagagliaio non enorme (parte da 361 litri di capacità) anche delle altre Kona.

L’ibrida si differenzia per il buon rendimento della sua power unit green. Testata sui colli bolognesi, ha esibito un certo brio. Ben assecondato dal cambio DCT. La vettura è capace di viaggiare in modalità solo elettrica, ovviamente per brevi tratti anche fino a 75 km/h.

In ogni modo pronta più in ripresa che in accelerazione (0-100 in 11”2) e godibile. La modalità di guida Sport viene attivata azionando le palette al volante. Kona Hybrid torna in Eco se non si usa questo tipo di cambiata.

La marcia resta molto silenziosa e proficua. Abbiamo registrato una percorrenza media di 18 km/litro. I consumi reali si avvicinano al dato dichiarato (20 km/litro) a conferma di una notevole efficienza generale.

Ultima modifica: 30 settembre 2019

In questo articolo