Andrea Dovizioso sviluppa lo scooter Dragster di Italjet | VIDEO

998 0
998 0

Andrea Dovizioso è stato uno dei protagonisti, e dei campioni, degli ultimi vent’anni del Motomondiale. Un asso della MotoGP. Il centauro forlivese ha siglato un accordo di collaborazione con Italjet, la storica casa motociclistica bolognese, per lo sviluppo e il setting del nuovo Dragster 125/200cc, lo scooter Italjet che farà presto il suo debutto sul mercato.

Chiamato da Massimo Tartarini, Presidente e CEO di Italjet, per ricoprire il ruolo di pilota d’eccezione, Dovizioso supporta il Team tecnico dando il suo prezioso contributo nei test pre-produzione del Dragster, provando la moto in pista.

Quando ho disegnato il nuovo Dragster, l’ho immaginato come una piccola superbike da utilizzare in città. Uno scooter capace di regalare la sensazione di una vera moto da pista.” commenta Tartarini “Desidero che Dragster esprima al meglio tutto il suo potenziale: per questo ho pensato di dovermi affidare a un protagonista incontrastato del Motorsport, un pilota celebre in tutto il mondo. Ho subito pensato ad Andrea, una persona che ho sempre ammirato, un professionista e un uomo capace di guardare oltre”.

Per Dovizioso, contribuire alla realizzazione di uno scooter dedicato anche a chi ama le moto sportive rappresenta un impegno inedito.

Le parole del forlivese

Dragster è un concentrato di energia. Quando l’ho visto per la prima volta ne sono rimasto impressionato. Sono contento di poter contribuire con i tecnici alla messa a punto della ciclistica, del sistema frenante e del motore. Sono i dettagli a fare la differenza e in Dragster i dettagli sono molto curati”.

L’arrivo del nuovo “Urban Superbike”, a cui è stato recentemente assegnato il premio come miglior scooter all’International Indonesia Motor Show 2021 (IIMS), e selezionato dalla rivista Forbes tra i migliori veicoli, è alle porte.

Le diverse migliaia di prenotazioni ricevute da ogni parte del mondo, anche dal Giappone, grande patria dei motocicli, sono motivo di orgoglio per Tartarini che ha le idee chiare sul perché Dragster susciti tanto entusiasmo.

l grandi players si sono appiattiti su veicoli che ormai si assomigliano tutti, trascurando il fatto che i veri motociclisti scelgono di guidare la moto per le forti emozioni che regala. Noi, pur essendo una piccola realtà rispetto ai produttori mondiali, abbiamo deciso di realizzare un mezzo urbano diverso, fuori dagli schemi, sulla scia della tradizione di ITALJET. Al Dragster la parola scooter sta davvero molto stretta” conclude Tartarini.

L’avvio della produzione è imminente e poi Dragster sarà disponibile in oltre 50 paesi in tutto il mondo.

Andrea Dovizioso e il Dragster di Italjet

Ultima modifica: 17 maggio 2021

In questo articolo