Alfa Romeo Tonale, nuovi rendering per il crossover del Biscione

1973 0
1973 0

Alfa Romeo Tonale è, almeno in Italia, l’auto più discussa del 2019. Presentata a Marzo al Salone di Ginevra, ha stregato il pubblico nella sua versione concept.

Nei mesi successivi sono arrivare altre foto ufficiali del prototipo. Che è stato mostrato anche ad altri eventi. Infine le immagini trapelate della maquette, che anticiperebbe il modello di serie, atteso sul mercato nel 2021.

Alfa Romeo Tonale di Max Robino

Da quelle è partito il designer Max Robino, che ha interpretato gli stilemi di Tonale in modo originale. Presentando una versione coupé a tre porte, ancora più sinuosa e morbida nelle linee. Pur non perdendo una certa muscolosità.

Alfa Romeo Tonale Concept

Resta ovviamente il faro a tre moduli, meno estremo rispetto a concept e simile a quello della maquette. Una citazione, di Alfa SZ, Brera e altri modelli, che è piaciuta subito trasversalmente.

Alfa Romeo Tonale di Max Robino

Alfa Tonale di Max Robino è una libera interpretazione di un modello che sarà uno dei pilastri della elettrificazione di FCA.

Non solo di Alfa Romeo, ma per il prestigio dell’intero Gruppo, secondo il programma annunciato la scorsa settimana a Melfi, in occasione della visita di QN Motori alle linee di Jeep Compass e Renegade plug-in hybrid.

La maquette di pre produzione

La power unit del crossover Alfa

Tonale probabilmente adotterà un powertrain simile a quello delle due Jeep. Ovvero, nella versione plug-in hybrid, il 1.3 T4, quattro cilindri turbo benzina all’anteriore e motore elettrico al posteriore. E un altro propulsore/alternatore all’anteriore.

La potenza di sistema potrebbe superare i 250 cavalli. Da verificare la capacità della batteria LG, che sulle Jeep ha una capacità di 11,4 kWh, permettendo un’autonomia solo elettrica di 50 km.

Attese anche motorizzazioni a trazione anteriore mild hybrid e anche Diesel. La versione d’esordio dovrebbe essere la top di gamma plug-in hybrid.

Tonale, il video con i bozzetti originali e le interpretazioni

Ultima modifica: 21 ottobre 2019

In questo articolo