McLaren Folding Driver Display, lo schermo pieghevole!

3626 0
3626 0

McLaren Folding Driver Display, al Salone di Ginevra sulla nuova supersportiva ci sarà lo schermo pieghevole.

 

Proprio così, si tratta di una inedita interfaccia, un nuovo approccio al modo di mostrare le informazioni. Garantisce un coinvolgimento del pilota senza uguali. Il McLaren Driver Interface offre il servizio due schermi ad alta definizione. Il Folding Driver Display (schermo guidatore pieghevole) e il Central Infotainment Touchscreen (schermo infotainment centrale touch-screen) per il totale coinvolgimento del conducente.

 

Nuova McLaren, ecco come va

Il Folding Driver Display offre in maniera continuativa la possibilità di consultare una serie di informazioni selezionate e la posizione fisica. In Full Display Mode (a schermo intero), modalità predefinita al momento dell’ingresso nella vettura, il Folding Driver Display fornisce una gamma completa di informazioni su uno schermo TFT verticale.

Il formato dello schermo che cambia a secondo della modalità di guida selezionata dal guidatore, Comfort, Sport o Track. Il Slim Display Mode (modalità schermo fine), il quale può essere selezionato manualmente premendo un bottone oppure si attiva automaticamente quando entra la funzionalità della dinamica attiva (active dynamics functionality), vede lo schermo davanti al guidatore richiudersi parzialmente lasciando solo una parte ridotta per la visualizzazione di informazioni essenziali.

L’altro elemento che evidenzia l’avanzato approccio alla condivisione integrata delle informazione è il Central Infotainment Screen da 8″ (schermo centrale per le informazioni). Sullo schermo si potranno gestire e consultare diverse applicazioni ed allo stesso tempo sul touch-screen verticale. E si potrà visualizzare una serie di comandi che controlleranno l’audio, le sorgenti, la navigazione satellitare, e altre funzionalità, e si potranno avere anche delle icone per la selezione rapida.

Nuova McLaren, il V8 biturbo

Il motore sarà il M840T. Va in pensione il V8 di 3.8 litri, arriva un uovo propulsore, il V8 4.0 bi-turbo. Che sarà in bella mostra nel vano motore a vista e illuminato al momento dello sblocco delle portiere. Permette un’accelerazione da 0-200 km/h di soli 7,3 secondi. E brucia i 400 metri da fermo in 10,3 secondi.

Ultima modifica: 6 Marzo 2017