Nonda Zus: come rendere smart anche le auto vecchie

3602 0
3602 0

Il mercato si muove con sempre maggiore enfasi in una direzione che porta i nuovi modelli in commercio ad essere sempre più intelligenti e connessi: possiamo parlare di automobili sempre più smart, capaci quindi non solo di essere guidate ma anche di guidare gli utenti.

Tutto questo è accessibile, con dotazioni di serie o come optional, su veicoli di nuova immatricolazione: l’evoluzione tecnologica riguarda sempre le novità, quasi mai il passato. Ci sono però alcune valide eccezioni, come il caso di Nonda Zus smart car charger. Si tratta di quello che all’aspetto esterno appare come un tradizionale caricatore USB da collegare alla presa accendisigari della macchina, che nasconde al proprio interno varie funzionalità accessorie.

In ZUS smart car charger Nonda ha però implementato alcune interessanti funzionalità accessorie, incentrate sull’abbinamento con il proprio smartphone. La prima è la possibilità di fornire indicazione di dove sia stato parcheggiato il veicolo, utile nel momento in cui si lascia la macchina in un grande parcheggio o in un luogo mai visitato prima e si fatica a ritrovarla.

Non solo questo: ZUS permette inoltre di tenere monitorato lo stato della batteria direttamente da smartohone, fornendo una indicazione grafica del suo livello negli ultimi 90 giorni e in questo modo aiutando ad identificare eventuali problemi di perdita della capacità che possano portare ad uno stop del veicolo. Le due prese USB sono di tipo reversibile e forniscono una ricarica ad elevata velocità, ciascuna capace di un output di 2,4A.

Nonda, è al lavoro per fornire un ecosistema completo nel quale accanto al caricatore trovano posto un dispositivo di tracciamento collegato alla chiave dell’automobile, un sensore di parcheggio posteriore, un sensore di pressione per i pneumatici e un sistema di installazione dello smartphone sul cruscotto. Tutto questo ovviamente interfacciato con lo smartphone, che diventa lo strumento per interfacciarsi con i vari prodotti e tenerne monitorati funzionamento e comportamento. Vedremo questi prodotti al debutto nel corso dei prossimi mesi.

Ultima modifica: 3 Marzo 2017