Volvo Cars prende le redini delle sue attività in Cina: arriva l’accordo con Geely

1345 0
1345 0

Volvo Cars prenderà presto il pieno controllo delle proprie attività di produzione e di vendita in Cina. La società ha infatti recentemente firmato un accordo con Geely Holding, la sua casa madre, per l’acquisizione della quota di quest’ultima nelle joint venture delle due aziende in Cina.

Acquisendo un ulteriore 50% delle azioni di Daqing Volvo Car Manufacturing e di Shanghai Volvo Car Research & Development, che sono appunto le due joint venture fra Volvo e Geely, l’azienda svedese potrà infatti avere molto più spazio di manovra per tutte le sue attività in Cina.

“Con questo accordo”, dice il CEO di Volvo Hakan Samuelsson, “Volvo Cars diventerà la prima importante casa automobilistica non cinese con pieno controllo delle attività operative in Cina”.

In termini pratici, Volvo Cars otterrà la piena proprietà dei suoi impianti di produzione a Chengdu e Daqing, della sua società commerciale nazionale in Cina e della sua unità di ricerca e sviluppo a Shanghai.

Secondo l’accordo firmato tra Volvo Cars e Geely, gli aggiustamenti societari verranno completati in due fasi: inizieranno nel 2022, con la revoca dell’obbligo di joint venture per la produzione di auto in Cina, e verranno conclusi nel 2023. L’accordo è comunque in attesa di approvazione da parte delle autorità: ricordiamo che si tratta della Cina.

Ultima modifica: 4 Agosto 2021