In USA si propone di installare in auto sistemi che verifichino lo stato di ebbrezza

1549 0
1549 0

Fra le maggiori cause di incidenti stradali in tutto il mondo, la guida in stato di ebbrezza è certamente ai primi posti. Non a caso il Senato degli Stati Uniti sta lavorando a una proposta di legge dedicata alla sicurezza sulle strade che prevedrebbe, fra le altre cose, l’obbligo per le case automobilistiche di installare a bordo dei nuovi veicoli tecnologie che riescano a impedire in modo automatico la guida ai conducenti ubriachi.

Questa proposta di legge ha già ottenuto il sostegno del settore assicurativo automobilistico statunitense, oltre a quello di diverse associazioni come ad esempio la Mothers Against Drunk Driving, particolarmente sensibile al tema.

Del resto circa un terzo di tutte le morti per incidenti stradali in un anno negli Stati Uniti coinvolgono conducenti in stato di ebbrezza: la legge in via di studio al Senato americano potrebbe contribuire a salvare fino a 10mila persone all’anno.

A livello tecnico, la legge richiederebbe al Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti di stabilire uno standard di sicurezza tecnologica entro tre anni, mentre le case automobilistiche avrebbero altri due anni per potersi conformare. Non ci sono linee guida su quale debba essere la tecnologia da adottare: l’unica indicazione è che il sistema deve poter “monitorare passivamente le prestazioni del conducente del veicolo a motore per identificare con precisione se tale conducente può essere alterato”.

Qualche casa automobilistica è già sul pezzo: negli anni abbiamo già sentito di ricerche e studi su dispositivi, sensori e software in grado di riconoscere le condizioni di salute dei conducenti attraverso diversi metodi di analisi. Ad esempio, un sistema messo a punto dalla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) assieme ad alcune case automobilistiche, è in grado di misurare i livelli di alcol nel sangue sotto la superficie della pelle utilizzando una luce infrarossa puntata sul dito del conducente.

Ultima modifica: 4 Agosto 2021