Lamborgini oasi felice per i dipendenti, che scelgono più tempo libero

5691 0
5691 0

Più soldi o più tempo libero? Per i dipendenti della Lamborghini di Sant’Agata Bolognese la scelta è stata facile. L’esito del referendum, durato tre giorni, sul nuovo contratto integrativo aziendale ha parlato chiaro.

Si poteva scegliere tra due opzioni e in entrambi i casi le condizioni di lavoro miglioravano, in un’azienda già nota per accordarsi facilmente con i lavoratori. La proprietà della Lamborghini è tedesca. E così ha preso come base per l’integrativo, che in molte aziende del settore è considerato fantascienza, il contratto nazionale firmato dai metalmeccanici tedeschi dell’Ig metall a febbraio.

Lamborghini Urus, la prova su strada di QN Motori

Fabbrica Lamborghini San'Agata Bolognese
Fabbrica Lamborghini San’Agata Bolognese

Contratto che prevede cinque giorni di permessi aggiuntivi alle ferie, per un totale di 40 ore. Chi usufruisce dei permessi resta a casa e usa il tempo come vuole, mentre chi preferisce avere più soldi in tasca lavora e percepisce cinque giorni di paga. I dipendenti della Lamborghini, come dipendenti di un’azienda che va bene, hanno optato decisamente per avere più tempo libero, con una percentuale del 95 per cento.

D’altra parte il resto dell’accordo era già molto soddisfacente sotto il profilo delle retribuzioni e delle assunzioni, tasto sempre caro al sindacato. Erano previste nuove assunzioni (negli ultimi tre anni l’azienda ne ha concluse più di 700), corsi di aggiornamento. E aumento del premio di risultato, da 2700 a 3000 euro.

Fabbrica Lamborghini San'Agata Bolognese - linea Urus
Fabbrica Lamborghini San’Agata Bolognese – linea Huracan

Insomma, un integrativo ricco. Decisamente migliore di quello di altre aziende del settore auto. E certamente migliorativo sotto il profilo economico del contratto base dei metalmeccanici. Una cosa quasi fantascientifica in un paese che ha fatto del basso costo del lavoro quasi l’unico vero asset da spendere sui mercati internazionali. Infatti è un contratto a trazione tedesca. E per una volta anche i detrattori di Frau Merkel e dell’austerità tedesca non avranno niente da ridire. In mezzo a tanta abbondanza, allora, meglio i cinque giorni di permesso in più dei soldi.

Lamborgini oasi felice per i dipendenti, che scelgono più tempo libero

Nella Motor Valley l’efficienza tedesca

Del resto il segretario della Fiom di Bologna (sindacato ampiamente maggioritario alla Lamborghini, dove ha 19 delegati su 20) aveva ripetuto più volte che l’orario di lavoro doveva tornare «al centro della contrattazione, insieme con la busta paga».

Più facile a dirsi che a farsi. Ma certo in aziende che pagano bene e hanno fatturati in crescita si può fare. Tanto è vero che l’altra azienda che sigla accordi simili a quelli della Lamborghini, sempre nel Bolognese. E’ la Ducati, cioè un’azienda di proprietà tedesca.

Ultima modifica: 9 Luglio 2018