Harley-Davidson Evolution: caratteristiche e prezzi!

8159 0
8159 0

L’Harley-Davidson ha realizzato una gamma di motori che è rimasta fra i migliori e più venduti di sempre. Fra di essi vi è l’Evolution, facente parte della famiglia di propulsori realizzati fra il 1984 e il 1999.

Evolution: caratteristiche

 

Questa serie di motori viene spesso denominata attraverso l’abbreviazione Evo, o Blockhead, nome ripreso dalla forma che possiede. L’Evo è il successore del propulsore Shovelhead, costruito e diffuso, appunto, a partire dal 1984, dopo un attento studio di progettazione condotto dalla casa automobilistica realizzato anche grazie all’utilizzo di strumenti informatici. La sua produzione terminò ufficialmente nel 1999, con la sostituzione del propulsore “Twin Cam”, ma la sua realizzazione continua tuttora con diversi aggiornamenti, tra cui l’iniezione elettronica, per la versione utilizzata sulle Sportster.

Le sue caratteristiche sono analoghe a quelle dei suoi predecessori: bicilindrico a V di 45°, con distribuzione ad aste e bilancieri e raffreddamento ad aria. Tuttavia, rispetto ai precedenti, l’affidabilità è nettamente superiore, una caratteristica che lo rende il primo motore moderno della Harley-Davidson. Coppia e potenza permettono una prestazione maggiore nelle curve, mentre i regimi di rotazione sono analoghi, dal momento che i motori Harley-Davidson sono da sempre famosi il loro non  ricercare alte prestazioni ad elevati regimi di rotazione.

Cilindri e testata del motore sono in alluminio, e questo propulsore è l’ultimo, nella storia della Harley Davidson, a montare un unico albero a camme nel basamento. Il cambio è un classico 5 marce a comando meccanico, mentre l’alimentazione è affidata al carburatore Keihin CV da 40 mm, oppure all’iniezione elettronica EFI su alcuni modelli della gamma Touring e Sportster.

L’uso della trasmissione finale a cinghia è una costante di tutti i modelli dell’Harley-Davidson, per via della maggiore affidabilità, maggiore pulizia e maggiore durata rispetto alla tradizionale trasmissione finale a catena.

Il lancio di questi propulsori fu fondamentale per l’Harley-Davidson, poiché riuscì a salvarla letteralmente dalla bancarotta, permettendole di effettuare nuovi investimenti e di aumentare le vendite in modo esponenziale tra gli anni ‘80 e ‘90, riconquistando, nel mercato americano soprattutto, il primato nelle vendite di moto di grossa cilindrata, dopo decenni di dominio incontrastato da parte delle case giapponesi.

I propulsori utilizzati sulla Sportster adottano, ancora oggi, un’architettura Evolution, con differente cilindrata: inizialmente 883 e 1.100 cm³, quest’ultima poi portata a 1.200 cm³, per differenziarsi dalla Sportster 883. I prezzi partono dai 15.000 ai 18.000€ ed anche per le moto usate, esso varia in base al numero di km percorsi.

Ultima modifica: 26 Luglio 2018