FitCar PPV, bruciare calorie pedalando alla guida di un’automobile

2968 0
2968 0

Si chiama FitCar PPV ed è una Audi A4 Avant che si muove pedalando. Proprio come una bicicletta, ma restando comodamente seduti all’interno dell’abitacolo. L’auto che fa rimanere in forma e anche nel traffico cittadino ti permette di fare attività fisica. L’idea è nata dalla partnership fra gli ingegneri olandesi della BPO e l’uomo d’affari saudita Nasser Al Shawaf.

Viene definita la prima auto al mondo che ti permette di bruciare calorie. Come detto, il prototipo si basa su una Audi A4 Avant con motore 2.0 TFSI automatico. La pedaliera è stata sostituita dai pedali di una bicicletta. Per frenare è stata aggiunta una leva al fianco del volante da attivare manunalmente.

Lavoro in molte città del mondo e non sono rare percorrenze di oltre un’ora al volante, andata e ritorno”, dice Al Shawaf. “Si tratta di un modo non salutare di perdere due ore ogni giorno. Per questo mi è venuta l’idea della FitCar, che funziona proprio come ogni auto convenzionale, permettendoti di fare esercizio fisico mentre guidi”.

Il motore viene alimentato pedalando, il sistema agisce sull’acceleratore e ovviamente più si pedala più la velocità aumenta. In 30 minuti sulla FitCar si possono bruciare fino a 300 calorie, sostiene Al Shawaf. Sono tre le modalità di guida della FitCar. “Drive Slow” per muoversi nel traffico. “Drive Fast” per l’utilizzo su strade più veloci come le autostrade. “No Drive” che tiene ferma l’auto pur permettendoti di fare esercizio pedalando.

La nostra ambizione è che questa tecnologia sia adottata anche dalle case automobilistiche per produrre una nuova generazione di city car salutari”, dice Oscar Brocades Zaalberg, fondatore di BPO. “Oppure potremmo offrirlo come kit post-vendita per chi vuole aggiungere questo sistema alla propria auto”. La FitCar PPV(Pedal Powered Vehicle) è stata brevettata internazionalmente. In questo momento sta aspettando l’approvazione in Olanda per l’uso sulle strade europee.

Ultima modifica: 25 Settembre 2018

In questo articolo