Fiat Autonomy celebra la medaglia d’oro di Martina Caironi

3286 0
3286 0

Ai Mondiali di atletica a Londra, la campionessa paralimpica Martina Caironi ha vinto il suo terzo oro nei 100 metri piani, categoria T42. Con il tempo di 14”65, a soli 4 centesimi dal record mondiale.

La straordinaria vittoria, che si va ad aggiungere ai trofei conquistati ai giochi paralimpici di Londra 2012 e Rio 2016, conferma che l’atleta testimonial di Autonomy è la più forte di questa disciplina a livello mondiale.

Prima di partire per l’avventura londinese, la campionessa lombarda ha ritirato presso il Mirafiori Motor Village di Torino la sua Jeep Renegade TrailHawk 2.0 Multijet II, 4×4 con cambio automatico, dalla sgargiante livrea gialla.

Martina Caironi, testimonial di Autonomy, alla consegna della sua Jeep Renegade presso il Motorvillage di Miratori (Torino)

Il progetto Autonomy

E l’inarrestabile SUV compatto sembra abbia portato fortuna a Martina che ha subito centrato l’obiettivo con una gara perfetta. Con Manuela Migliaccio, da marzo Martina Caironi è testimonial di Autonomy, il progetto FCA nato con l’intento di incoraggiare, agevolare e assicurare la libertà di movimento per tutti. Anche coloro che presentano limitazioni motorie, sensoriali o intellettive.

Inoltre, queste due ragazze belle e autentiche sono state protagoniste della nuova campagna di comunicazione ideata dall’agenzia Leo Burnett. Che affronta la disabilità con simpatia, ironia e attraverso il linguaggio dei giovani.

Ogni ragazza è stata ritratta dal fotografo di fama internazionale Dirk Vogel, con differenti soggetti. Con un suggestivo primissimo piano del loro volto, l’immagine è abbellita da divertenti emoticon che riassumono – anche in modo ironico – i traguardi raggiunti finora. E il loro impegno quotidiano per migliorare le proprie prestazioni.

Il tutto sottolineato dal claim “Ho solo scaldato i motori“. Che ne preannuncia la volontà a conquistare nuovi podi internazionali. Proprio come ha dimostrato ieri la grandissima Martina Caironi.

Ultima modifica: 18 Luglio 2017

In questo articolo