Volvo XC40 e famiglia verso il futuro: prova su strada | VIDEO

13495 0
13495 0

La strada del futuro si può cercare anche in un angolo di Sicilia. Fra le contrade polverose care al commissario Montalbano, il protagonista della fiction più amata dagli italiani. È lì, fra Ragusa Ibla e Punta Secca, una novantina di chilometri dall’aeroporto di Catania, che Volvo ha deciso di presentare al completo la gamma XC. Quella famiglia di Suv che ha cambiato volto al marchio svedese, oggi proprietà dei cinesi di Geely.

Il contrasto fra questi luoghi, ricchi di un fascino decadente, e le tecnologie svedesi è solo apparente. Perché i lussuosi Suv hanno una straordinaria adattabilità all’ambiente. Con la piccola del gruppo, la XC40 (4,4 metri di lunghezza contro i 4,6 di X 60 e 4,9 dell’ammiraglia XC 90) è comodo percorrere le «trazzere» polverose, dove l’autista Galluzzo fa «santiare» il commissario scosso dai sussulti di un terreno aspro e brullo.

Il Suv Volvo, che fa del comfort una delle sue eccellenze, ammortizza invece ogni asperità del suolo. E il perfetto isolamento acustico consente di viaggiare quasi sospesi in una nuvola mentre il paesaggio di rocce, fiori gialli e cespugli scorre intorno come in un film. La stessa auto è capace di scalare con disinvoltura il pendio di Ragusa Ibla, per raggiungere la piazza del Duomo, trasformata nella fiction nel centro di Vigata.

New Volvo XC40 – exterior

Il 2.0 a benzina con cambio automatico a 8 rapporti è tagliato anche per i percorsi in salita. dove le cambiate sono sempre fluide e naturali e il motore non gira mai a vuoto. La ricerca delle destinazioni, già caricate sul software di bordo, avviene con l’interfaccia Sensus. Lo schermo da 9 pollici, collocato in verticale, che ha il pregio di replicare quasi in toto le funzioni di uno smartphone. Fu lanciato per la prima volta sulla capostipite XC90 nel 2014. E oggi fa bella mostra su tutta la nuova gamma Volvo come un nobile tratto distintivo.

È uno schermo touch assolutamente semplice che elimina ogni tasto dal cruscotto. Concentrando in sè tutte le funzioni. Dalla ventilazione alla radio, dalla navigazione alla scelta dell’assetto. Un compagno di viaggio fedele che ci porta prima alla casa di Montalbano. Con il famoso terrazzo dei suoi incontri galanti, poi alla Mannara, l’ex tonnara teatro di atrocità e omicidi.

Qui XC40 dribbla con disinvoltura rovi, cespugli e sassi sporgenti per arrivare fin sulla riva del mare. Dove grandi rocce fermano l’impeto delle onde. Nel fuoristrada il Suv di lusso mostra una grinta insospettabile. Anche se l’auto utilizzata non ha le quattro ruote motrici. Ancora un tratto di strada e un altro tocco sul navigatore per raggiungere il Castello di Donnafugata. Un gioiello architettonico dove gli sceneggiatori televisivi hanno ambientato la villa del capomafia Balduccio Sinagra.

New Volvo XC40 – City Safety

Volvo XC40, prezzo contenuto, dimensioni ridotte, maneggevolezza e tecnologia

Sotto la luce abbagliante del primo pomeriggio XC 40 è pronta per chiudere il suo giro d’orizzonte sul mondo di Montalbano. Oggi è la più richiesta delle gamma. Per il prezzo contenuto (si parte da 31.200 euro) le dimensioni ridotte, la più facile maneggevolezza. Le sorelle più grandi, che hanno evoluto la guida autonoma di livello 2, la sterzata assistita e il blis con sterzo per recuperare più facilmente la corsia, sono gioielli di tecnologia che hanno aperto la strada del futuro. Ma sarà proprio XC40 a varcare per prima, nel 2019, la soglia dell’elettrico con una versione a impatto zero. Pronta per una nuova era.

Giuseppe Tassi

Ultima modifica: 23 Aprile 2018

In questo articolo