Stellantis «A Pomigliano Fiat Panda continuerà a essere assemblata»

347 0
347 0

A Pomigliano sarà ancora assemblata Fiat Panda. “Lo stabilimento di Pomigliano continuerà a produrre la Panda, i tempi sono prematuri per fare ulteriori annunci. A tempo debito i piani industriali saranno comunicati”.

Sono le parole di un portavoce del Gruppo, dopo che il primo ministro serbo Vucic aveva annunciato la produzione della Panda elettrica a Kragujevac. Acqua sul fuoco, ma la situazione resta aperta, deciderà anche il mercato nei prossimi anni.

Leggi ora: Fiat Panda e 500 mild hybrid, prova su strada delle citycar green

Fiat Concept Fiat Panda elettricaCentoventi

Allo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d’Arco, dove viene assemblata l’auto più venduta del mercato italiano, la preoccupazione era salita. E non solo nella fabbrica.

Pomigliano, cosa succede

Riteniamo che l’attuale modello di Fiat Panda soddisfi appieno le esigenze di mobilità di un’ampia fascia di utenti, soprattutto italiani  – ha continuato il portavoce per questo motivo, non la consideriamo in concorrenza con il modello che vedrà la luce in Serbia, che sarà su un’altra piattaforma e posizionato in modo diverso dall’attuale in quanto la Panda sta diventando una famiglia, come lo è per 500. Per questo motivo, se l’evoluzione normativa e le condizioni competitive dello stabilimento di Pomigliano lo consentiranno, è nostra intenzione continuare il suo ciclo di vita e quindi sostenere lo stabilimento fino all’arrivo del nuovo ciclo di modelli“.

E ancora. “La fabbrica di Pomigliano ha visto l’arrivo di un prodotto competitivo come l’Alfa Romeo Tonale e la Dodge Hornet per il mercato statunitense. Oggi lo stabilimento lavora su 12 turni sia per il Tonale e Hornet sia per la Panda, che continua a essere un modello vincente, soprattutto grazie alla versione hybrid“.  La situazione a oggi è positiva.

Maggiori informazioni ci saranno mercoledì 6 dicembre quando dovrebbe svolgersi, il tavolo si Stellantis con il Governo sul futuro degli stabilimenti italiani. Un momento chiave,

Ultima modifica: 5 Dicembre 2023