Rennes, come nasce Citroen C5 Aircross, il SUV orgoglio della Francia

8781 0
8781 0

L’orgoglio della Francia su quattro ruote sventola alto a Rennes in Bretagna. Non (solo) per il mondiale di calcio appena vinto o la altrettanto recente festa nazionale del 14 luglio.

Linda Jackson con Citroen C5 Aircross a Rennes
Linda Jackson, CEO di Citroen con C5 Aircross a Rennes

L’impianto di Rennes, voluto dal Generale De Gualle quasi sessanta anni fa, riparte con ambizione. Non si era mai fermato, ma aveva patito, nel passato prossimo, una crisi importante. Il boost arriva la nuova linea produttiva dedicata al modello di punta globale di Citroen, ovvero C5 Aircross, che dopo la produzione in Cina (a Chengdu) arriva anche in Europa.

Citroen Ami 6, il primo modello prodotto a Rennes
Citroen Ami 6, il primo modello prodotto a Rennes

Aggiungendo, oltre alla linea, un terzo turno per l’assemblaggio: ed entro fine anno, ne arriverà un quarto. La fabbrica bretone avrà una capacità, su queste linee altamente specializzate e robotizzate che abbiamo avuto il privilegio di visitare, di circa 160.000 vetture annue.

C5 Aircross, il primo contatto di QN Motori

Un passo importante per la progressione PSA in Europa e per gli operati. Più auto e più posti di lavoro. Più SUV, per essere precisi, dato che sulle linee sono prodotte C5 Aircross e Peugeot 5008. L’ascesa degli sport utility è un dato di fatto.

Citroen XM a Rennes
Citroen XM a Rennes

L’impianto di Rennes affonda la sue radici nella grandeur francese. Inaugurato nel 1960 per volere di Charles De Gaulle, che voleva dare una dimensione industriale alla Bretagna, regione dedita soprattutto all’agricoltura e alla pesca. Citroen così ebbe una nuova fabbrica. La prima auto prodotta fu Ami 6. Poi altri pezzi pregiati, come BX, prodotta in 2 milioni, GS (quasi lo stesso numero) o altre auto speciali com XM, Peugeot 407 (la prima di questo Marchio nell’impianto), Xantia o la precedente generazione di C5.

Da allora molti alti e anche bassi, soprattutto negli ultimi anni. Il passo più lungo della gamba fu fatto quando, con l’obiettivo di arrivare a 400.000 auto prodotte l’anno. Soprattutto grazie alle ammiraglie: traguardo esagerato. Mortificato dalla crisi globale e da scelte sbagliate.

Peugeot 5008 a Rennes
Peugeot 5008 a Rennes

Rennes, dalla polvere alla remuntada 

Rennes così qualche anno fa è arrivata a produrre solo 55.000 vetture annuali. Un minimo storico preoccupante. La rinascita, parziale e ancora in progressione, è dovuta al volere del gran capo, Carlos Tavares e a un accordo del 2016 tra PSA Group, enti locali e sindacati per una ripartenza. Che ha portato a 350 nuove assunzioni, legati al quarto turno nei fine settimana e mille lavoratori interinali.

C5 Aircross è il simbolo della “remuntada” di Rennes. L’auto giusta per il mercato, realizzata su una linea produttiva che alterna robot, catena di montaggio, intervento e controllo umano. La sfida di un auto “globale”, che è anche quella del Marchio PSA (Peugeot, Citroen, DS e Opel) a trazione francese.

Citroen C5 Aircross a Chengdu (Cina)

Ultima modifica: 17 Luglio 2018

In questo articolo