Prezzo benzina, arrivano accise con la manovra bis?

2338 0
2338 0

Prezzo benzina, la corsa pare ricominciata a un passo troppo deciso. L’ipotesi di accise ancora aumentate con la manovra bis del Governo Gentiloni potrebbe rappresentare un’altra zavorra non banale per una ripresa economica che di fatto zoppica da anni.

Lo spread ha superato la soglia psicologica dei 200 punti e quindi il Governo s’è messo al lavoro per con decreto legge per l’aggiustamento. La prima mossa, da attuare entro fine febbraio, dovrebbe puntare in particolare sui ritocchi alle accise su tabacchi e carburanti e su una parte dei tagli di spesa. Si parla di tre centesimi al litro, ma potrebbero essere anche di più. Automobilisti come bancomat, vale sempre il solito principio? Pare proprio di sì.

Prezzo Benzina
Il caro del prezzo benzina è sempre sulla bocca di tutti

Prezzo benzina, lo stop della Lega. La prima alzata di scudi, sicuramente con più di una sfumatura populista, ma non fuori tema, è stata del segretario della Lega Lombarda-Lega Nord Paolo Grimoldi. “Basta aumentare le accise della benzina, basta aumentare le tasse, anche indirette, ai cittadini. L’ipotesi allo studio del ministro Padoan, e già concordata con il premier Gentiloni, di aumentare di tre centesimi le accise sul carburante per racimolare il miliardo di euro necessario per la correzione dei conti richiesta da Bruxelles è inaccettabile”.

Difficile dargli torto, anche perché un conseguente aumento del costo dei trasporti, che sarebbe inevitabile, innescherebbe un’impennata dei prezzi di moltissimi prodotti destinato a frustrare ogni obiettivo di risalita generale dell’economia, che potrebbe generare una ricaduta ben peggiore.

Ultima modifica: 13 Febbraio 2017