Mercedes, sei auto elettriche entro il 2022, anche il SUV compatto EQA | VIDEO

2943 0
2943 0

Mercedes EQ, la marcia elettrica non si ferma. La Casa della stella a tre punte porterà sul mercato sei modelli elettrici entro il 2022. Sei automobili cruciali. Due le conosciamo: EQC, il grande SUV, e alla EQV, il van a elettroni, che sarà prodotto a Vitoria in Spagna nei prossimi mesi.

Mercedes prevede che entro il 2030 la metà della produzione sarà di auto elettriche ed ibride. Meno estrema di altre Case, ma pur sempre sicura di un grande cambiamento. La produzione delle EQ sarà in Europa, Stati Uniti e Cina.

Mercedes EQS, ammiraglia elettrica
Mercedes EQS, ammiraglia elettrica

Leggi anche: Mercedes EQC, la prova di QN Motori

Un piano globale, che passa dall’ammiraglia EQS, che sarò prodotta nell’avanzatissimo stabilimento Factory 56 a Sindelfingen. Alter ego della Mercedes Classe S, icona del Marchio. E’ attesa per il primo semestre 2021.

EQB, EQS ed EQE saranno i prossimi tre SUV. Il primo, modello elettrico di medie dimensioni (come GLB) sarà assemblato a Kecskemét, in Ungheria, e a Pechino nello stabilimento dello joint venture Bbac. Arriverà entro il 2021.

Mercedes EQB, SUV di medie dimensioni
Mercedes EQB, SUV di medie dimensioni

Le più grandi EQE ed EQS sono attese per il 2022. Saranno assemblate a Tuscaloosa (USA), sito su un mercato che dovrebbe apprezzare la stazza di queste vetture.

SUV compatto ed elettrico

Il pezzo forte per il mercato europeo e italiano sarà Mercedes EQA, il SUV compatto, lungo circa 4,4 metri. Sarà presentato a gennaio 2021, tra pochi giorni. Lungo circa 4,4 metri sarà assemblato a Rastatt in Germania, in uno stabilimento che può produrre anche altre vetture quali Classe A, B e GLA. Anche EQA sarà assemblata anche a Pechino.

 

 

Mercedes EQA, il SUV compatto elettrico
Mercedes EQA, il SUV compatto elettrico

Infine le batterie, che saranno prodotte ovunque. A Kamenz (Germania), a Jawor (Polonia), a Pechino (CINA) con la Baic, a Bangkok (Thailandia) con la Thonburi  e a Untertürkheim (Germania), Hedelfingen (Germania), Brühl (Germania) e Tuscaloosa (USA).

Ultima modifica: 16 Dicembre 2020

In questo articolo