Lamborghini Urus, ecco com’è nato il Super SUV | VIDEO

6187 0
6187 0

La Lamborghini Urus, il Super SUV di Sant’Agata Bolognese da 650 cavalli sarà presentata il 4 dicembre. Chi può anticiparci e raccontarci meglio di design della vettura di Mitja Borkert? Nessuno, perché Borkert è il capo del design di Lambo è sempre inconfondibile e  Urus mantiene la forte impronta della Casa del Toro. In meno di due minuti il designer esprime la sua filosofia e il retaggio a cui ha attinto.

L’ispirazione è tratta da due modelli. La sportiva Countach, icona sportiva degli anni ’70/’80 e la LM002, la madre di tutti i SUV iper potenti. Il frontale ha un profilo basso che risale verso il cofano, sotto cui si cela il motore V8 biturbo. Il posteriore è vigoroso, dalle linee scolpite, ed esprime un nuovo livello di potenza e prestazioni.

Lamborghini Urus, Mitja Borkert racconta com'è nato il Super SUV

Born in Sant’Agata Bolognese

Una linea dal forte accento dinamico corre lungo le fiancate della Urus dando completezza a un’architettura perfetta. Linee diagonali sul cofano anteriore e sul lunotto posteriore richiamano quelle della Countach. I passaruota esagonali sono un’eredità della LM002, il primo SUV a marchio Lamborghini. Una piccola maschera di ventilazione triangolare, anch’essa derivata dalla LM002, è presente sul fianco della Urus ed è decorata con i colori della bandiera italiana, per sottolineare l’origine italiana del Super SUV Urus di Lamborghini. Più precisamente l’origine di Sant’Agata Bolognese.

Lamborghini Urus, nuovi dettagli per il Super SUV del Toro
Lamborghini Urus, dettaglio

 

Ultima modifica: 1 Dicembre 2017

In questo articolo