Ford Electric Vehicle Center a Colonia, la casa delle nuove auto a batteria

505 0
505 0

Inaugurato il Ford Electric Vehicle Center di Colonia, un impianto di produzione altamente specializzato con sede in Germania, dove verrà costruita la nuova generazione di vetture elettriche dell’Ovale Blui.

Con un investimento da due miliardi di dollari, Ford ha trasformato lo storico stabilimento di Niehl, puntando sulla manodopera tedesca altamente qualificata e sul futuro della produzione automobilistica in Europa.

Progettato per essere altamente efficiente, il sito si estende su un’area di 125 ettari ed è dotato di una nuova linea di produzione, assemblaggio di batterie e attrezzature e automazione all’avanguardia, che consentono una capacità produttiva annuale di oltre 250.000 veicoli elettrici. Dopo i successi di Mustang Mach-E, E-Transit e F-150 Lightning, Ford ha recentemente presentato il suo quarto veicolo 100% elettrico a livello globale, il nuovo Explorer, il primo veicolo elettrico costruito a Colonia e che sarà seguito da un secondo modello a zero emissioni, un crossover sportivo.

Il primato del Ford Electric Vehicle Center di Colonia

Sarà il primo impianto di assemblaggio a emissioni zero del Marchio a livello globale e sostiene i piani dell’azienda che punta, entro il 2035, a raggiungere la neutralità carbonica in tutta la sua impronta produttiva europea, compresi logistica e fornitori.

L’apertura del Ford Electric Vehicle Center di Colonia sancisce l’avvio di una produzione sostenibile per la costruzione di veicoli elettrici in Europa” ha dichiarato l’Executive Chair di Ford, Bill Ford. “Questo impianto sarà uno dei più efficienti e responsabili dal punto di vista ambientale. Sono entusiasta di continuare a lavorare per un futuro a zero emissioni per i nostri figli e i nostri nipoti”.

Il Cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha dichiarato: “L’Electric Vehicle Center rappresenta un nuovo inizio ed è il più grande investimento nella storia dell’azienda presso lo stabilimento Ford di Colonia. È una buona notizia per Colonia, per l’industria automobilistica in Germania, per la mobilità elettrica e per il futuro”.

Leggi ora: Ford Explorer 2023, il nuovo Suv elettrico per l’Europa

Dalla Model A al nuovo Explorer 100% elettrico: una nuova era per Ford in Europa

L’apertura dei Ford Electric Vehicle Center è un nuovo capitolo della lunga storia dello stabilimento dell’Ovale Blu a Colonia, che dal 1930 è il cuore dell’industria automobilistica europea. Tra i veicoli iconici costruiti in questo sito si segnalano la Ford Model A, la Taunus, la Capri, la Granada e la Fiesta.

Per oltre 90 anni, lo stabilimento Ford di Colonia, che ha prodotto più di 18 milioni di auto, è stato uno degli impianti dell’Ovale Blu più efficienti al mondo e ha consentito a milioni di europei di diverse le generazioni di spostarsi liberamente.

Il Centro di Colonia segna l’inizio di una nuova era per Ford in Europa”, ha dichiarato Martin Sander, General Manager di Ford Model e Europa. “Stiamo ancora una volta ridefinendo la produzione di auto, implementando tecnologie avanzate per costruire veicoli completamente connessi e software specializzati per soddisfare la domanda dei nostri clienti sempre più orientata verso una mobilità a emissioni zero”.

Al cuore dell’impianto di Colonia ci sono i progressi digitali che collegano macchine, veicoli e lavoratori. L’implementazione di macchine ad autoapprendimento, di sistemi di trasporto autonomi e di gestione dei big data in tempo reale sono parte integrante del miglioramento dell’efficienza dei processi produttivi e del miglioramento nel tempo, e garantiscono, allo stesso tempo, un’elevata qualità.

Ford sta inoltre facendo un ulteriore passo in avanti per supportare – e non sostituire – l’eccellenza umana. Nuovi robot cognitivi e collaborativi e soluzioni di realtà aumentata supporteranno i dipendenti e aumenteranno l’efficienza e lo scambio di dati con altri stabilimenti per condividere le esperienze in tempo reale.

Un centro di veicoli elettrici a emissioni zero: Ford sta trasformando in realtà il suo piano “Road to Better”

Per raggiungere la neutralità carbonica, Ford ridurrà l’uso di energia e le emissioni nello stabilimento tedesco attraverso l’installazione di nuovi processi, macchinari e tecnologie. Tutta l’elettricità e il gas naturale necessari per il funzionamento dell’impianto sono carbon neutral, in quanto si tratta di elettricità e biometano certificati al 100%.

Il calore necessario per riscaldare l’impianto e i processi è neutro dal punto di vista delle emissioni, in quanto il fornitore locale di energia compenserà le emissioni corrispondenti dell’impianto di assemblaggio per conto di Ford. Il calore viene generato da una centrale elettrica esterna e da un impianto di incenerimento dei rifiuti e fornito a Ford attraverso una rete di vapore dedicata.

Il fornitore locale di energia prevede di ridurre le proprie emissioni operative per la fornitura di calore di circa il 60% nel 2026 e di eliminarle completamente entro il 2035. Non appena sarà a pieno regime, l’Electric Vehicle Center di Ford a Colonia sarà certificato in modo indipendente come carbon neutral. Questa certificazione indipendente sarà verificata e riconciliata regolarmente con l’acquisto di compensazioni di carbonio di alta qualità per le emissioni rimanenti.

L’aggiornamento tecnologico dell’Electric Vehicle Center di Colonia è accompagnato da un miglioramento della biodiversità e degli spazi verdi nell’area della fabbrica già esistente. Le misure installate includono una nuova vegetazione, la trasformazione di aree non verdi in aree ricche di vegetazione e, per questo, ideale habitat per molte specie di insetti e uccelli.

Il Ford Electric Vehicle Center di Colonia, a emissioni zero, è un’importante vetrina dell’industria automobilistica per il passaggio dalla produzione tradizionale alla produzione di veicoli elettrici”, ha concluso Sander. “Le strutture e i processi sono stati progettati dai nostri ingegneri per massimizzare l’efficienza e ridurre al minimo l’impatto ambientale, aiutando Ford a diventare carbon neutral in Europa e a sostenere il nostro piano di decarbonizzazione globale”.

Ultima modifica: 12 Giugno 2023