Dacia Duster 2024, i segreti della nuova generazione

1180 0
1180 0

Dacia Duster, la terza generazione del modello più rappresentativo del Marchio, venduto in 2,2 milioni di esemplari, dei quali oltre 300.000 in Italia, mette sul piatto novità su tutta la linea.

Il Suv compatto, dal 2018 più venduto in Europa tra i clienti privati, quelli che vanno in concessionaria a comprare la macchina, si aggiorna per forma e sostanza.

Le quattro generazioni di Dacia da Duster

Dalla serie d’esordio del 2010, passando per la seconda del 2017, con Duster il prestigio di Dacia è progressivamente cresciuto, svincolando il Marchio dall’abbinamento col termine low cost.

Ora è percepito come un Costruttore di auto dall’alto rapporto qualità/prezzo, che puntano su concretezza e praticità.

Dacia Duster 2024

Duster III sarà l’alfiere del nuovo corso. L’abbiamo visto e toccato con mano in anteprima. Il salto di qualità è a tuto tondo.

Lo stile, con chiara ispirazione dal prototipo di Bigster, il Suv del Segmento C lungo 4,5 metri che arriverà nel 2025, mantiene il DNA Dacia, aggiornandolo.

Le linee restano semplici, Dacia Duster è identificabile, ma più bassa (1,66 metri contro 1.69) e filante mantenendo quasi inalterata la lunghezza, 4,34 metri. La linea di cintura è più alta, conferendo una maggiore sensazione di protezione ai passeggeri.

La novità distintiva è rappresentata da un nuovo materiale, lo Starkle composto fino al 20% da elementi riciclati, utilizzato per le protezioni laterali della parte inferiore della scocca e dei passa-ruota, i triangoli del paraurti anteriore, le piastre di protezione e la grembialatura del paraurti.

Lo Starkle non è verniciato, in modo da essere poco visibile in caso di graffi o rigature: un dettaglio pratico in sintonia con la vocazione della Casa.

Dacia Duster e YouClip, l’attacca-tutto

Tra gli accessori di Dacia Duster  spicca YouClip, un sistema semplice e pratico che permette di fissare in abitacolo molti accessori, dallo smartphone, al tablet, alle borse alle bottigli. Di serie ce ne sono 4 o 6 secondo gli allestimenti, ma possono arrivare a otto.

In plancia ci sono il cluster della strumentazione da 7 pollici, di serie sugli allestimenti Extreme e Journey,  e lo schermo centrale da 10”1.

Facile di interpretazione e diretta la grafica, unita a buona connettività, Duster dispone di una buona dote di ADAS, Nasce sulla piattaforma CMF-B del Gruppo Renault, che garantisce maggiore precisione di guida, spazio a bordo ed elettrificazione.

Robustezza e comfort sono la sintesi del modello.

Dacia Duster, i motori

Dacia Duster sarà disponibile nella motorizzazione a GPL, la Eco-G 100, col propulsore  1.0 litri 3 cilindri  da 100 cavalli, serbatoio di 50 litri a benzina e di 50 a GPL per 1.300 km di autonomia complessiva.

L’elettrificazione parte dalla Duster TCe 130, spinta dal 3 cilindri turbo di 1.2 litri, lo stesso di Renault Austral, abbinato a un sistema mild hybrid 48 Volt, con batteria da 0,9 kWh e disponibile sia a trazione anteriore sia integrale.

Al top di gamma la Duster Hybrid 140, con il 1.6 aspirato benzina, da 94 cv, e due motori elettrici, uno da 49 cavalli e uno che funge starter/generatore, abbinati a una batteria da 1,2 kWh. Con 140 cavalli di potenza di sistema è una full hybrid che permettere di risparmiare fino al 20% di carburante. Il cambio è 4 rapporti per il motore termico e 2 per quello elettrico.

Conferma un’ottima abitabilità per la categoria, è un Suv tra il Segmento B e C, con un bagagliaio che ha una capacità di carico a partire da 472 litri con 5 persone a bordo.

Le versioni 4×4 offrono capacità in fuoristrada migliorate. Hanno a disposizione la rotella con 5 modalità di guida: Auto, Snow, Mud/Sand, Off-road ed Eco.

Notevole l’altezza da terra di 21,7 centimetri per la Duster trazione integrale (20,9 cm per l’anteriore) che permette di affrontare molte situazioni complicate. Al pari di angoli di attacco di 31° e di uscita di 36°, sempre  per le 4×4, che contribuiscono alla polivalenza della vettura.

Dacia Duster 2024, prezzo e allestimenti

Assemblato nello stabilimento di Pitesti in Romania, il nuovo modello farà il suo esordio statico al Salone di Ginevra alla fine del prossimo febbraio e arriverà sul mercato alla fine del secondo trimestre 2024, con un prezzo di partenza sotto ai 20.000 euro.

Saranno quattro gli allestimenti: Essential, Expression e i due top di gamma, Extreme, votato al tempo libero e all’uso anche in fuoristrada, e Journey, dedicato a chi predilige il comfort.

Leggi ora: Dacia Spring Extreme, la prova di QN Motori della piccola elettrica

Ultima modifica: 11 Dicembre 2023

In questo articolo