Citroen C5 Aircross plug-in hybrid taglia i costi. La prova

5389 0
5389 0

Citroen, lo storico marchio del Gruppo PSA, si è posto l’obiettivo di avere una gamma al 100% elettrificata (elettrica e ibrida) a partire dal 2025.

L’apripista di questa innovativa strategia è Citroen C5 Aircross Hybrid plug-in, il suv di punta della Casa del Double Chevron, che già un notevole successo ha riscosso con i motori benzina e diesel.

Citroen C5 Aircross Hybrid 22

La power unit del C5 ibrido è risparmiosa. Con un consumo di 1,7 litri per 100 chilometri, calcolando anche la percorrenza in solo elettrico. E inquina pochissimo, solo 39 grammi per chilometro di CO2.

Il che non inficia le prestazioni che si mantengono al massimo livello. Con una velocità massima di 225 km/h e un’accelerazione da 0-100 km/h in 9 secondi.

Leggi anche: C5 Aircross con il turbo benzina, video

Non poco vista la mole della vettura che resta pur sempre un suv grande. La base è un motore termico di 1598 cc PureTech 180 (euro 6) affiancato da un propulsore elettrico da 80 kW e da un cambio automatico a 8 rapporti EAT8, già visto su altre vetture del gruppo e che si è dimostrato molto efficiente.

La batteria che muove il motore elettrico è di tipo ad alta tensione (200 Volt) agli ioni di litio che sviluppa 13,2 kWh.

Citroen C5 Aircross plug-in hybrid, 50 km a batteria

I due motori insieme, in modalità ibrida, sono in grado di sprigionare una potenza complessiva di 225 cv alle ruote anteriori. In modalità Zev (100% elettrico) si possono percorrere fino a 50 chilometri teorici (normalmente non più di una quarantina), sfrecciando fino a 135 km/h.

Una serie di dotazioni tecniche, come le sospensioni Progressive Hydraulic Cushions, la funzione Brake che ricarica la batteria durante le decelerazioni, lo Start & Stop e i sedili Advanced Comfort, garantiscono una sicura piacevolezza nella guida. Essendo un ibrido plug-in, la batteria è ricaricabile.

I tempi sono di appena due ore con una wallbox da 7,4 kWh e 32A, o di una nottata se ci si collega a una normale presa domestica di almeno 3,4 kWh.

La garanzia della batteria è di 8 anni o di 160.000 chilometri, gli allestimenti sono due, Feel (41.550 euro) e Shine (43.050). Ma nella fase di lancio Citroen prevede uno sconto, comprensivo degli incentivi statali, di 7.000 euro. Che porta il prezzo d’attacco a 34.550 euro.

Ciò, però, non vuol dire che si trascurino le altre motorizzazioni. Ed è così che Citroen ha dotato la C5 Aircross del più potente motore a benzina della gamma, il PureTech 180 S&S, in abbinamento al cambio automatico EAT8.

Si tratta di un 4 cilindri turbo benzina di 1.598 cc. Con distribuzione a 16 valvole ad alzata variabile e con doppio variatore di fase.

Un motore compatto e leggero, 110 chilogrammi con olio e frizione. Che vanta una potenza di 180 cv e una coppia di 250 Nm. Negli allestimenti Feel e Shine il prezzo, chiavi in mano è rispettivamente di 33.200 euro e 35.700 euro.

L’alternativa all’acquisto, il noleggio a lungo termine

Citroen offre in alternativa il noleggio a lungo termine, chiamato Free2Move. Calido per 36 mesi e 45.000 chilometri per le versioni benzina o diesel. E 36 mesi e 30.000 chilometri per la C5 Aircross Hybrid Plug-in.

Cesare Paroli

Citroen C5 Aircross plug-in hybrid, la galleria fotografica

Leggi anche: Citroen C3 Aircross, SUV compatto

Ultima modifica: 20 Aprile 2020

In questo articolo