Benelli, ecco le nuove Leoncino 800 e Leoncino 800 Trail 2021 | VIDEO

3345 0
3345 0

Benelli per il 2021 rinnova due pezzi importanti della sua gamma, Leoncino 800 e Leoncino Trial 800.

Nuova Leoncino 800 è omologata Euro5. Le forme si fanno più dure e scolpite, esaltandone così potenza e dinamicità. Anche nella versione da 800cc ritroviamo infatti l’elemento stilistico dell’arco. Che si ripropone fedele sia nel fanale che nel serbatoio. Mantenendo così invariato il family feeling.

Cuore pulsante di Leoncino 800 è il bicilindrico quattro tempi, raffreddato a liquido da 754cc, fluido, costante e reattivo, per rispondere bene in accelerazione, presentando una potenza di 76,2 CV (56 kW) a 9000 giri/min e coppia di 68 Nm (6,9 kgm) a 6500 giri/min. Distribuzione a doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro, doppio corpo farfallato da 43 millimetri di diametro, frizione con asservimento di coppia e funzione antisaltellamento in bagno d’olio e cambio a 6 velocità completano il quadro .

Il telaio è un traliccio tubolare con piastre in acciaio. Pensato per integrarsi alla perfezione con il design della moto e di assicurare agilità e maneggevolezza su strada per qualsiasi tipologia di pilota, senza mai rinunciare al divertimento alla guida.

A contraddistinguere Leoncino 800 è la cura nei dettagli: il serbatoio, dalle linee spigolose e moderne, è in lamiera di acciaio ed ospita il logo Benelli, come da tradizione. Ad incastonare il logo Leoncino sotto la sella è invece un fianchetto in alluminio dalle linee moderne, che si sviluppa senza soluzione di continuità verso il serbatoio, creando un semplice ma unico e sofisticato elemento di stile.

Il proiettore, che riprende le linee più moderne della Leoncino 250, è interamente a led e presenta un design originale e ricercato, sottolineato dal disegno ad arco e dal logo Benelli Leoncino posizionato al centro. Strumentazione all’avanguardia, in TFT, per un cruscotto dal design moderno ed autentico. La sella, in grado di garantire il massimo del comfort a pilota e passeggero si integra inoltre perfettamente con le linee della moto, così come il design dello scarico, dalle proporzioni equilibrate e moderne. Una menzione speciale al Leone che, come nella moto storica e come nel resto della gamma, svetta con orgoglio sul parafango anteriore. Leoncino 800 presenta inoltre il cavalletto centrale di serie.

Il reparto sospensioni è affidato all’anteriore ad una forcella Marzocchi up-side down con steli di 50 mm di diametro, regolabile in estensione, compressione e precarico molla, garanzia di comfort, stabilità ed efficacia lungo tutta l’escursione di 130 mm della sospensione anteriore. Dietro troviamo un forcellone oscillante con mono centrale regolabile nel precarico molla e freno idraulico in estensione. Impianto frenante Brembo, garanzia di massima sicurezza, con un doppio disco anteriore semiflottante di 320 mm di diametro e pinza monoblocco radiale a quattro pistoncini, e dal disco posteriore di 260 mm di diametro, con pinza a doppio pistoncino e ABS. I cerchi da 17” a raggi, tubeless, in lega di alluminio, montano pneumatici 120/70-17 e 180/55-17. Il serbatoio ha ben 15 litri di capacità, sottolineando la muscolarità della moto.

 
Leoncino 800 Trail per il 2021 arriva sul mercato con l’aggiornamento alla normativa Euro 5 e una serie di modifiche tecniche ed estetiche in grado di esaltarne la vocazione off-road, senza mai allontanarsi dall’autenticità del concept che sta alla base della linea Leoncino. Una “modern- classic” che si fa sportiva e dinamica e che condivide con la 800 stradale elementi tecnici e stilistici all’avanguardia.

Il motore è il bicilindrico quattro tempi, raffreddato a liquido, da 754 cc, proposto anche sulla Leoncino 800.
Rispetto alla “sorella” stradale, la ciclistica è stata rivista per poter affrontare al meglio anche i percorsi off-road, dove superare le asperità del terreno. Il telaio è un traliccio tubolare con piastre in acciaio, capace di garantire maneggevolezza e agilità su strada. Il reparto sospensioni è affidato all’anteriore ad una forcella up- side down Marzocchi con steli di 50 mm di diametro, regolabile in estensione, compressione e precarico, che dai 130 millimetri di escursione nella stradale passa ai 140 millimetri della Trail. Stesso aggiornamento anche al posteriore, dove troviamo un forcellone oscillante con mono centrale regolabile nel precarico molla e freno idraulico in estensione, che aumenta anch’esso l’escursione ruota (140 mm), alzando così la seduta da 805 millimetri della stradale a 830 millimetri della Trail.

A fare la differenza anche la ruota da 19” all’anteriore e da 17” al posteriore, che montano rispettivamente pneumatici tassellati da 120/70 e da 170/60. Impianto frenante Brembo condiviso con la Leoncino 800, garanzia di massima sicurezza. Con un doppio disco anteriore semiflottante di 320 mm di diametro e pinza monoblocco radiale a quattro pistoncini, e dal disco posteriore di 260 mm di diametro, con pinza a doppio pistoncino.
Stile ricercato e design all’avanguardia per Leoncino 800 Trail, che presenta elementi tipicamente da fuoristrada. Come il nuovo doppio scarico laterale alto, sviluppato appositamente per questa versione. Ma anche la tabella porta numero e paracalore posizionata a lato, realizzata per accentuarne lo spirito off-road.

A donarle quest’anima anche il cupolino alto posizionato sopra il faro anteriore full led, che presenta il tipico elemento ad arco della linea Leoncino. In condivisione con la Leoncino 800, troviamo le linee muscolose e scolpite del serbatoio in acciaio, realizzato per esaltare potenza e dinamicità della moto, dove ritroviamo l’elemento stilistico dell’arco, ma impreziosito questa volta da due bumpers paraserbatoio.

La strumentazione

La versione Trail offre inoltre strumentazione all’avanguardia, sempre in TFT, per un cruscotto dal design moderno ed autentico. La sella è pensata per garantire il massimo della comodità anche su percorsi più difficili. Sotto la sella, in continuità con la Leoncino 800, troviamo un fianchetto in alluminio pensato per incastonare il logo Leoncino. Sul parafango, il Leone che svetta, tipico della gamma.

Ultima modifica: 11 Novembre 2020

In questo articolo