Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio, apoteosi del SUV coupé con 600 cavalli

3073 0
3073 0

Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio, il designer Stefano Moraschini prefigura un super suv coupé del Biscione sempre in “alto” sui nostri passi alpini.

Dopo Stelvio e aspettando Tonale, ecco quindi Pordoi. Rimarcando sempre il primato della guida.

Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio di Stefano Moraschini Designer

Un modello pieno di fascino ed evocativo. Posto al vertice della gamma Alfa Romeo.

Ipotizzato sullo sviluppo della piattaforma Giorgio, eccezionale per piacere ed efficacia di guida sportiva su Giulia e Stelvio e teoricamente adatta anche a una vettura lunga 5 metri, come quella ipotizzata dai render.

Guarda anche: Moraschini Designer su Instagram

Moraschini dopo le recenti Alfa Romeo Giulietta elettrica (BEV) e Lamborghini GT Elettra, propone il ritorno al motore termico come principale fonte di potenza.

Precisamente il V6 di 2.9 litri di origine Ferrari delle attuali Quadrifoglio e GTA, portato a 600 cavalli grazie all’adozione di un powertrain ibrido.

Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio di Stefano Moraschini Designer

Guarda anche: Moraschini Designer su Facebook

Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio sarebbe la versione top di gamma. Pronta a fronteggiare i “pesi massimi” della categoria. Quali Lamborghini UrusAudi RS Q8, Bmw X6 M e in “casa” anche Maserati Levante Trofeo.

Leggi anche: Maserati Levante Trofeo, la prova di QN Motori

Sono ipotizzabili anche versioni meno estreme, standard o Veloce, con il 4 cilindri turbo elettrificato o versioni meno estreme del V6. E pure una Alfa Romeo Pordoi elettrica, data la prossima uscita di Maserati BEV.

Alfa Romeo Montreal, Jay Leno prova la supercar degli anni Settanta

Da Montreal ad Alfa Romeo Pordoi

La proposta di Moraschini omaggia il mito di Montreal, la supersportiva del Biscione degli anni Settanta. Le formula “tetto basso e ruote alte” (cofano lungo e lunotto posteriore molto inclinato) avvicina il crossover alla coupé del Biscione, non a caso anche nella livrea. La arancio Miura pastello.

Alfa Romeo Montreal, opera del grandissimo Marcello Gandini per Bertone è citata nella fiancata, nelle prese d’aria laterali posteriori, le ciglia e i fari (a led) anteriori. E la reinterpretazione dell’aggressiva presa aria sul cofano: la forma triangolare è inconfondibile.

Concessioni all’attualità e al futuro prossimo sono i cerchi in lega di Giulia GTA e lo scudetto Alfa (il trilobo) che richiama quello di Tonale.

Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio di Moraschini Designer

Ultima modifica: 30 Maggio 2020

In questo articolo