DR Automobiles Groupe lancia al MIMO i nuovi Marchi Sportequipe ed ICKX

1894 0
1894 0

L’onda cresce dal Molise, DR Automobiles Groupe lancia al MIMO i nuovi Marchi Sportequipe ed ICKX.

Sportequipe 7

Dopo aver consolidato la propria presenza sul mercato italiano in oltre 15 anni fino all’attuale quota del 1,5%, il gruppo molisano, impegnato nello sviluppo tecnologico e qualitativo dei propri prodotti, lancia oggi due nuovi brand nell’ottica strategica di ampliare la propria offerta, andando a presidiare fasce di mercato più alte rispetto a quelle di riferimento dei brand generalisti EVO e DR.

I prezzi dei Marchi, da segmento a segmento

EVO è il brand entry-level, i cui modelli sono ricompresi in un range di prezzo tra i 15.000 ed i 20.000 euro. Si sale ad un massimo di 30.000 euro con DR, per passare alla fascia 30.000-40.000 euro di Sportequipe, fino ad oltre i 50.000 euro di ICKX.

DR Automobiles Groupe punta dunque a rafforzare ulteriormente la propria posizione nel panorama automotive europeo, anche in virtù di un’importante espansione del network di vendita italiano ed estero. 

Nel secondo semestre dell’anno infatti ci sarà un’importante accelerazione soprattutto nel processo di atterraggio sui principali mercati europei come Spagna, Francia e Germania. 

I nuovi due brand Sportequipe e ICKX avranno una propria rete di vendita dedicata, differente rispetto a quelle di EVO e DR.  Ma lo sviluppo di DR Automobiles Groupe passa anche ed inevitabilmente per un’implementazione di tutti gli asset strategici.

È in infatti in corso un ampliamento del plant produttivo molisano, al fine di aumentarne la capacità produttiva. Sarà a breve affiancato da un nuovo impianto dedicato alla realizzazione di un’auto full electric. Così come è in fase di realizzazione il nuovo magazzino ricambi centrale.

Sportequipe presenta una gamma di SUV e pick-up e anche una city car elettrica per muoversi in libertà in contesti metropolitani. 

Un’offerta di auto (quattro SUV, un pick-up e una city car) di segmento alto, tecnologici e performanti, con una dotazione di serie ricchissima, ma accessibili a tutti. 

Sportequipe 1, piccola elettrica 

Una city car di 3,20 mt. full electric con un’autonomia di ben 250 km e possibilità di extended range in caso di necessità.  Telaio in alluminio ultraleggero rivestito da un body in materiale composito per un peso complessivo di 1.050 kg.

Sospensioni anteriori Mac Pherson indipendenti e posteriori a ruote indipendenti. Il pacco batterie, che sfrutta la tecnologia di ultimissima generazione (litio ferro fosfato), ha una capacità di 31 Kwh.

Motore sincrono a magneti permanenti in grado di sprigionare una potenza di 45 Kw con una coppia di 150 Nm ed una velocità massima di 120 km.  Accelerazione da 0 a 50 km in 5 secondi. 

Ottimi i tempi di ricarica: 5 ore per la slow con corrente a 6 Kwh e mezz’ora per la fast con corrente fino a 50 Kwh. Nella ricca dotazione di serie spiccano il climatizzatore, l’infotainment con Andorid Auto ed Apple Car Play e il wireless smartphone charger. 

L’abitacolo è caratterizzato da materiali e finiture di pregio, una prerogativa di tutti i modelli Sportequipe. Sedili ed inserti in alcantara con cuciture a mano sono un dei plus del nuovo brand.

Sarà realizzata completamente in Molise in un plant dedicato presso l’head-quarter di Macchia di Isernia, dove il telaio in alluminio verrà assemblato al pacco batterie e alle parti di materiale composito. L’avvio della produzione è previsto entro il 2022.

Sportequipe 5

Sportequipe 5

È il SUV più piccolo del nuovo brand. Un 4,32 mt. che sarà disponibile con tre diverse motorizzazioni: 1.5 turbo benzina da 154 CV, 1.6 TGDI turbo benzina ad iniezione diretta da 200 CV e 2.0 TGDI turbo benzina ad iniezione diretta da 260 CV, abbinati ad un cambio CVT a 9 rapporti.

Ottimo per la città, per le sue dimensioni compatte, ma ideale anche per i lunghi viaggi grazie alle ottime prestazioni e consumi oltre che ad un abitacolo molto confortevole e ben accessoriato.

Come detto gli interni sono in pregiato alcantara. Il touch da 12.3” con Android Auto ed Apple Car Play domina la plancia, caratterizzata da un ambient light a colorazione variabile.

Il tettuccio elettrico è il plus di questo allestimento.  Ha i sensori di parcheggio posteriori ed un sistema di telecamere a 360° oltre all’HHC/HDC e TPMS. A listino da settembre. 

Sportequipe 6

Con i suoi 4,5 mt. di lunghezza è il SUV intermedio di gamma. 

È spinto da un motore 1.6 TGDI turbo benzina ad iniezione diretta da 200 CV con una coppia di 290 Nm tra 2.000 e 4.000 gir/min ed una velocità massima di 200 km/h.

Il cambio è un automatico DCT a 7 rapporti + R.  Oltre alle sospensioni anteriori Mac Pherson, è dotato di un sistema multilink con barra stabilizzatrice antirollio sulle indipendenti posteriori.

L’abitacolo è molto spazioso e confortevole con una ricchissima dotazione di serie. Il tetto è panoramico con apertura elettrica della parte anteriore. Il condizionatore è un automatico bi-zona. È un plus lo smartphone wireless charger, posizionato proprio accanto alla leva del cambio.

Sull’ampia plancia spicca l’infotainment da 12,3” con Apple Car Play e Android Auto ed il cruscotto LCD da ben 12”. È dotato di un sistema di apertura e chiusura Soft Touch Keyless. 

4 telecamere con vista a 360°, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, Hill Holder Control, Hill Discent Control e TPMS arricchiscono il pacchetto sicurezza. I cerchi in lega da 20” contribuiscono a conferirgli un aspetto grintoso e sportivo.

Sarà disponibile da settembre, anche nella versione Thermohybrid benzina/GPL e con il 2.0 TGDI turbo benzina ad iniezione diretta da 260 CV.

Sportequipe 7

Guida la Premiere Parade nella giornata inaugurale e sfilerà in pista a Monza nel weekend del MIMO 2022. È un SUV di 4,70 mt. da 7 posti spinto da un 1.5 turbo benzina da 160 cv abbinato ad un cambio automatico DCT con doppia frizione a secco e 6 rapporti. Ha una velocità massima di 190 km/h.

Sospensioni anteriori Mac Pherson. Le posteriori sono indipendenti con sistema multilink e barra stabilizzatrice antirollio. Tanto spazio e confort all’interno. Anche la Sportequipe 7 prevede il tetto panoramico con tettuccio apribile. 

Il climatizzatore automatico bi-zona è gestito da un elegante e pratico monitor LCD touch da 8” posizionato sul tunnel centrale. La plancia, attraversata da un led con colorazione selezionabile, è caratterizzta dall’infotainment touch da 12,3” e dal cruscotto LCD da 7” pollici.

Come per la Sporteuipe 6 il sistema di telecamere con vista a 360°, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, Hill Holder contro, Hill Discent Control e TPMS arricchiscono il pacchetto sicurezza. I cerchi in lega da 20” sono di serie.

Come per tutti i modelli Sportequipe è prevista la versione Thermohybrid benzina/GPL, anche con i motori 1.6 TGDI turbo benzina ad iniezione diretta da 200 CV e 2.0 TGDI turbo benzina ad iniezione diretta da 260 CV.  Anche la Sportequipe 7 sarà disponibile da settembre.

Sportequipe K

K è un pick-up chic in linea con il mondo Sportequipe.  Con il suo cassone di 1520x1520x470 mm., facilmente caricabile, è un valido compagno per chi pratica sport come lo sci, il windsurf, la canoa, il golf. 

È un 5 posti di 5315/1830/1815 mm, spinto da un 2.0 common rail di ultima generazione da 136 cv, abbinato ad un cambio manuale a 6 marce.  Pesa 2.040 kg e può rimorchiare fino a 2.000 kg. Il sistema 4×4 con marce ridotte è inseribile elettronicamente.

Le sospensioni anteriori sono a doppio triangolo sovrapposto con molle elicoidali, mentre le posteriori hanno un ponte rigido con balestre.  Il servosterzo è idraulico.

Ha una massima pendenza superabile del 30%. L’angolo di attacco è di 31°, quello di uscita di 24°. Ha gli interni in alcantara, il tettuccio apribile, un grande infotainment touch verticale da 10,4” con Android Auto ed Apple Car Play al centro della plancia, il cruise control, TPMS e climatizzatore.

ICKX: K2, fuoristrada pronto a tutto

ICKX debutta attraverso il K2, un off-road puro, il cui nome evoca avventura e libertà, i valori ispiratori del nuovo brand di DR Automobiles Groupe. ICKX si rivolge infatti a chi desira un’auto in grado poter affrontare le situazioni di guida più estreme, senza però rinunciare al confort e al design.

K2 è spinto da un 2.0 common-rail di ultimissima generazione, EURO 6D con Selective Catalyst Reduction e filtro antiparticolato, da 162 CV, abbinato ad un cambio automatico DCT a 8 rapporti.

Sarà disponibile anche nella versione Thermohybid benzina/GPL con un motore 2.0 turbo ad iniezione diretta. 

Ma da vero fuoristrada il K2 ha un evoluto sistema four-wheel drive con marce ridotte grazie ad un riduttore centrale inseribile elettronicamente. 

Ha inoltre il doppio differenziale, anteriore e posteriore, a bloccaggio elettronico che lo rende molto agile anche nelle condizioni più difficili.

Il tutto favorito anche dalle sospensioni anteriori a doppio triangolo sovrapposto con molle elicoidali e da quelle posteriori a ponte rigido, collegato al telaio con bracci longitudinali e molle elicoidali. K2 ha una massima pendenza superabile pari al 60%, un angolo di attacco di 37°, un angolo di uscita di 31°, un angolo di dosso di 23° ed un’altezza da terra di 220 mm.

Il K2 ha un look molto aggressivo con forme piuttosto squadrate. I cerchi in lega da 20” contribuiscono a renderlo ancora più “cattivo”.

La capote in materiale composito completamente rimovibile rappresenta certamente un plus.

Sebbene il K2 abbia doti da off-road estremo, l’abitacolo è comunque molto confortevole e full optional di serie. Ha gli interni in pelle con i sedili anteriori riscaldabili, il climatizzatore automatico bi-zona, un infotainment touch da 12,3”, il cruise control, i sensori di parcheggio e la telecamera posteriori, l’Hill Discent Control. 

DR: arrivano la nuova DR 3.0 e DR 7.0. Subito a listino anche la DR 5.0 automatica CVT.

In gamma DR, la DR 3, uno dei modelli più venduti, lascia il passo alla nuova DR 3.0. 

Stesso motore 1.5 da 116 cv, con cambio manuale della DR3 ma con un design ed interni molto rinnovati.

Vera novità sarà la versione CVT con cambio a 9 rapporti e freno di stazionamento elettronico.

In entrambi i casi, nella nuova plancia spicca il touch da 9 pollici con Android Auto ed Apple car play. 

La DR 7.0 va ad aggiungersi agli altri 5 modelli: DR 3.0, DR 4.0, DR 5.0, DR F35, DR 6.0. 

Sarà il top di gamma. Un 4,72 mt. con 7 posti, spinto da un 1.5 turbo benzina da 160 CV abbinato ad un cambio automatico DCT a 6 rapporti. Velocità massima di 190 km/h e doppia modalità di guida, ECO e Sport.

Anche in questo caso le sospensioni anteriori sono Mac Pherson mentre le posteriori godono di un sistema multilink con barra stabilizzatrice antirollio.

L’equipaggiamento è da vera “ammiraglia”: interni in eco pelle, tetto panoramico con tettuccio elettrico, clima automatico bi-zona, infotainment touch da 12,3” con Android Auto ed Apple Car Play, sistema di telecamere a 360°, sensori di parcheggio, cerchi in lega da 18”.

I nuovi modelli sono previsti da settembre in poi, mentre subito dopo il MIMO il listino si arricchirà della versione automatica CVT della DR 5.0 a € 23.900. Rispetto alla MT ha una dotazione di serie più ricca in cui spicca il tettuccio elettrico.

DR 4.0 e DR 6.0 disponibili in abbonamento con CarCloud

La partecipazione al MIMO è inoltre l’occasione per annunciare l’ingresso di DR 4.0 e di DR 6.0 all’interno di CarCloud, il primo servizio di abbonamento all’auto in Italia realizzato da FCA Bank attraverso la controllata Leasys Rent, specializzata in soluzioni di noleggio e subscription. 

Presso lo stand DR saranno infatti presenti sia FCA Bank, con l’ampia gamma di prodotti finanziari e servizi assicurativi pensati per i modelli della gamma DR, sia Leasys Rent, che racconterà i vantaggi di CarCloud e dei nuovi pacchetti “Family SUV” e “Spaceful”, dedicati rispettivamente a DR 4.0 e DR 6.0. L’abbonamento potrà essere rinnovato mensilmente fino a un massimo di 12 mesi e avrà una durata minima di 30 giorni, passati i quali potrà essere disdetto senza alcuna penalità. 

L’abbonamento, che include 1.500 km al mese e tutti i servizi necessari per guidare in assoluta tranquillità, è attivabile facilmente acquistando un voucher su Amazon o nei Leasys Mobility Store, da convertire sul sito carcloud.leasys.com: un processo semplice, veloce e digitale.

EVO: restyling della EVO 4, nuova EVO 5 e pick-up Cross 4 

Importanti novità anche in gamma EVO che si arricchisce di un N1 e che vede uscire di scena l’attuale EVO 5 a favore della nuova. 

Andando con ordine, alla EVO 3 si affianca la EVO 4 restyling che presenta alcune interessanti novità stilistiche, soprattutto nell’anteriore. Stesso motore e ricca dotazione della precedente versione.

Ma la vera novità è rappresentata dalla nuova EVO 5, che diventa un suv compatto di 4,32 mt. spinto da un motore turbo benzina da 136 CV con una coppia massima di 210Nm a 4.500 giri/min ed una velocità massima di 185 km/h. Il cambio è un manuale a 6 marce. Ha il freno di stazionamento elettronico. Il suo punto di forza sarà il suo rapporto qualità prezzo. Sarà disponibile entro la fine dell’anno.

Il Pick-up Cross 4 risponde in pieno alla mission EVO, cioè quella di incontrare una sempre più diversa e diffusa concezione dell’automobile e più in generale della mobilità, ispirata a modelli di semplicità, concretezza e praticità. Si tratta di un 5 posti di 5315/1830/1815 mm, con un cassone di 1520x1520x470 mm, spinto da un 2.0 common rail di ultima generazione da 136 cv, abbinato ad un cambio manuale a 6 marce. Pesa 2.040 kg e può rimorchiare fino a 2.000 kg. Il sistema 4×4 con marce ridotte è inseribile elettronicamente.

Le sospensioni anteriori sono a doppio triangolo sovrapposto con molle elicoidali, mentre le posteriori hanno un ponte rigido con balestre. Il servosterzo è idraulico. Ha una massima pendenza superabile del 30%. L’angolo di attacco è di 31°, quello di uscita di 24°.

Anche in questo caso l’abitacolo è molto confortevole ed accessoriato. Sedili in ecopelle, infotainment touch da 9” con Android Auto ed Apple Car Play, Cruise Control, TPMS, climatizzatore. Tutto di serie. Sarà a listino sin da subito a 24.500 + iva (€ 29.900 ivato).

 

Leggi ora: Maggio da record per DR Automobiles Groupe nella debacle del mercato

Ultima modifica: 17 giugno 2022

In questo articolo