Volkswagen, il carburante rigenerato R33 BlueDiesel abbatte le emissioni

1424 0
1424 0

Volkswagen ha testato il carburante di nuovo sviluppo R33 BlueDiesel nella sua stazione di servizio interna di Wolfsburg da gennaio 2018. Questo carburante innovativo permette di risparmiare almeno il 20% di CO2 rispetto al gasolio convenzionale grazie all’uso di biocarburanti. Inoltre, permette ai grandi clienti di raggiungere significativi obiettivi di tutela ambientale nell’utilizzo delle loro flotte aziendali.

Nella prima fase dei test, il nuovo carburante è stato testato da dipendenti della Volkswagen che per nove mesi hanno fatto il pieno ad alcuni veicoli aziendali utilizzando solo R33 BlueDiesel. Fino a un terzo di questo nuovo carburante è costituito da componenti rinnovabili.

Questo carburante innovativo è di particolare interesse per i grandi clienti flotte della Volkswagen i cui veicoli diesel percorrono molti chilometri. Il suo utilizzo contribuisce al raggiungimento degli obiettivi aziendali di tutela ambientale. L’R33 BlueDiesel è realizzato fino al 33% con componente bio proveniente esclusivamente da materiali di scarto.

Questo permette di ridurre le emissioni di CO2 rispetto al gasolio convenzionale almeno del 20%. Inoltre, il carburante può essere utilizzato dai motori Diesel senza bisogno di conversione, poiché rispetta appieno gli standard del gasolio.

Il responsabile del progetto al Dipartimento Sviluppo della Volkswagen Thomas Garbe condivide la sua visione del futuro: “La risposta all’R33 BlueDiesel è molto incoraggiante per la Volkswagen e per gli altri partner. L’R33 BlueDiesel è particolarmente adatto ad aziende che utilizzano molto veicoli Diesel in virtù delle grandi autonomie e tuttavia vogliono tutelarel’ambiente. Ci stiamo preparando a un significativo aumento nel medio termine della richiesta di carburanti liquidi prodotti da scarti e di biocarburanti avanzati. Spero che presto anche le stazioni di rifornimento aperte al pubblico proporranno l’R33 come un gasolio premium edecologico”.

Ultima modifica: 3 dicembre 2018