Aston Martin sta pensando a motori per la Formula 1

1738 0
1738 0

Il protagonista dei piani industriali di Aston Martin per il prossimo futuro è l’elettrico; ne avevamo parlato poco tempo fa in questo articolo. Chiare le parole del CEO Andy Palmer: “Saremo al 100% ibridi entro la metà del 2020. E il 25% di tutte le Aston Martin saranno completamente elettriche entro la fine del prossimo decennio”. Ma la casa inglese sembra intenzionata a impegnarsi anche nel campo dello sport, con un possibile prossimo ingresso in Formula 1 (dove la tecnologia ibrida ha sempre più spazio) come fornitore di propulsori, attraverso un’ancora più stretta collaborazione con Red Bull Racing.

ASTON MARTIN E RED BULL
La partnership fra Aston Martin e Red Bull Racing è iniziata lo scorso anno, nei termini della semplice sponsorizzazione. Ma all’ultimo GP di Singapore ha destato curiosità la presenza di Andy Palmer nel paddock del team. Il CEO della casa inglese in effetti non era lì solo per guardare la gara, ma anche per definire gli ultimi dettagli sulla trasformazione di Aston Martin da sponsor a main sponsor di Red Bull Racing dalla prossima stagione (in sostanza vedremo il nome della squadra cambiare in Aston Martin Red Bull Racing).

MOTORI DA F1? DIPENDE DAI COSTI
Ma c’è di più. Incalzato dai media, Palmer non solo ha spiegato il motivo della sua presenza a Singapore (“È giusto dire che uno dei motivi per cui sono qui oggi è quello di discutere della prossima stagione”), ma ha anche aggiunto: “Stiamo studiando un motore per il 2021. Se verrà approvato un regolamento ragionevole che preveda una riduzione dei costi di produzione, Aston Martin potrebbe nutrire interesse nella fornitura di motori”.

Ultima modifica: 19 Settembre 2017