Abarth 695 Tributo 131 Rally: l’omaggio all’iconica 131 Rally degli anni ’70

641 0
641 0

La casa dello Scorpione propone un nuovo modello speciale. Si tratta della Abarth 695 Tributo 131 Rally e, come si intuisce dal nome, vuole essere un omaggio all’iconica Abarth 131 Rally, auto da corsa che ha infiammato gli appassionati del genere tra il 1976 e il 1981.

Leggi anche: Abarth 500 elettrica, foto spia dello Scorpione a batteria

Il nuovo modello speciale è dotato di motore 1.4 T-jet da 180 cavalli e 250 Nm di coppia. È in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 6,7 secondi e può raggiungere i 225 km/h di velocità massima. Monta ammortizzatori Koni FSD e la frenata è affidata a pinze Brembo in alluminio sull’anteriore e dischi autoventilati sul retro. I cerchi sono in lega da 17 pollici con finitura diamantata, mentre lo scarico è uno speciale Record Monza Sovrapposto. L’aerodinamica è affidata allo “Spoiler ad Assetto Variabile”, regolabile in 12 posizioni con inclinazioni che vanno da 0° a 60°.

Abarth 695 Tributo 131 Rally 1
Abarth 695 Tributo 131 Rally (Foto: Abarth)

Esteticamente la Abarth 695 Tributo 131 Rally richiama nei colori la sua antenata: una livrea lucida bicolore a tre strati “Blue Rally”, in grado di reinterpretare le tonalità originali in chiave moderna. Il blu è arricchito da elementi a contrasto in nero “Scorpion Black”, come il tetto o i montanti.
All’interno si trovano sedili sportivi in tessuto Sabelt, con inserti blue e cuciture ispirate a quelle dell’auto originale.

Abarth 695 Tributo 131 Rally 12
Abarth 695 Tributo 131 Rally (Foto: Abarth)

La Abarth 131 Rally debuttò nel 1976 nel Gruppo 4. La sua carriera comprende sei anni di attività nel Campionato del Mondo Rally (dal 1976 al 1981). 18 sono state le vittorie in Rally internazionali, tre i titoli di Campione del Mondo Costruttori (1977, 1978 e 1980) e due i titoli Piloti (Coppa FIA Piloti con Markku Alén e Campione del Mondo Piloti con Walter Röhrl).

Della Abarth 695 Tributo 131 Rally ne verranno prodotti solo 695 esemplari a un prezzo che è ancora da scoprire.

Ultima modifica: 4 maggio 2022

In questo articolo