Vivavoce per auto: i modelli e i prezzi

21057 0
21057 0

Come scegliere il vivavoce auto

Con un impianto vivavoce Bluetooth il nostro cellulare si collega all’auto nel momento in cui accendiamo il motore. Nello stesso modo si perde la connessione quando si spegne l’automobile. Gli unici due pezzi, per nulla ingombranti, di un dispositivo simile sono un display dal quale selezionare ciò che si ha il desiderio di fare e un piccolo microfono.

Inoltre l’impianto vivavoce Bluetooth utilizza le casse del veicolo. Una vera comodità dunque se messa a confronto con la multa salatissima che si rischia di dover pagare, qualora beccati a messaggiare o a chiamare al cellulare. Se colti in flagranza di reato inoltre la legge prevede la perdita di 5 punti dalla patente o nei casi più gravi della sua sospensione fino a tre mesi.

Per quanto riguarda la scelta di un impianto vivavoce Bluethoot anche uno economico può andar bene. Non dovendo utilizzare accessori invasivi quali cuffie, anche un prodotto di una qualità inferiore o meno sofisticato può rendere comunque un servizio gradevole e funzionante al 100%.

Esistono diverse tipologie, tutte con prezzi eterogenei, corrispondenti a diverse esigenze. Sull’aletta parasole possiamo posizionare gli apparecchi separati. La loro reperibilità è altissima. Si tratta di un impianto formato da un microfono e da un altoparlante.

Si ha anche la possibilità di acquistare un kit di vivavoce integrato nell’auto. Questi però non è universale. Bisogna dunque reperire un dispositivo integrabile nel proprio veicolo. In genere può essere richiesto come optional.

Questo tipo di sistema è tra i più consigliati. Il motivo è davvero semplice. Ha in pratica un’ottima funzionalità. Questi infatti si collega in maniera automatica, al proprio cellulare, nel momento stesso in cui lo riconosce e in cui si accende il motore dell’auto.

Possiamo ascoltare la musica, partendo da una nostra playlist, oppure la radio o ancora il notiziario e mentre facciamo ciò, se qualcuno telefona, il volume si abbassa all’istante. In questo modo possiamo subito rispondere e parlare con calma. Gli altoparlanti dell’auto emettono la voce del nostro interlocutore.Il microfono è posto in maniera tale da far partecipare tutti i passeggeri alla conversazione.

Come aggiungere il bluetooth in auto

Innanzitutto bisogna fare una serie di controlli, in maniera tale da capire se il cellulare e l’auto posso supportare un impianto di vivavoce Bluetooth. Il kit corretto è reperibile nei negozi specifici o anche sul web. Prima di procedere all’acquisto però bisogna verificare, tramite le impostazioni del nostro cellulare, che questi possa accedere al sistema Bluetooth.

Ora è indispensabile capire dove posizionare il kit. In genere sarebbe meglio porle dietro lo specchietto retrovisore. Tuttavia bisogna basarsi sulle dimensioni del dispositivo. Qualsiasi posto si scelga di porlo, bisognerà sempre adoperare una pellicola adesiva, qualora si ha l’esigenza di attaccarlo su della plastica.

In buona parte dei casi questi apparecchi tendono ad avere delle pellicole protettive. Utilissime nell’evitare danni d’ogni genere, compromettono però poi l’uso del dispositivo. Verificare dunque che ci siano e toglierle, non appena vengono individuate.

Quando fissiamo il nostro kit, dobbiamo sempre esercitare una lieve pressione. Fatto ciò bisogna accendere il nostro dispositivo e la funzione Bluetooth del nostro cellulare. Il vivavoce effettuerà una ricerca dei dispositivi vicini. Quando li avrà trovati e posti nella solita lista, selezioniamo quel del nostro telefono.

A questo punto sarà richiesto l’inserimento di una password. Per trovarla basta andare nel libretto delle istruzioni. Per questa ragione non va ne buttato ne smarrito. Senza questo codice non potremmo attivare alcuna funzione del dispositivo e dunque non sarà possibile effettuare chiamate, ascoltare musica o altro.

Se saranno seguite tutte queste procedure sarà creata una connessione automatica fra vettura, cellulare e vivavoce. Ogni qual volta il motore sarà acceso, si collegheranno fra loro in maniera automatica e tutte le funzioni saranno accessibili da subito.

I prezzi delle migliori marche

Sul mercato è reperibile una vasta gamma di impianti vivavoce Bluetooth. Ognuno di questi ha un prezzo e caratteristiche specifiche. Bisogna ora solo comprendere quale tra i tanti a disposizione risponde alle proprie esigenze.

L’Avantree permette di collegare contemporaneamente due telefoni cellulare. Viene contraddistinto per la limpidezza della comunicazione, riuscendo infatti a trasmettere rumori di fondo, echi e altre cose del genere. Questi inoltre supporta 12 ore di conversazione e 980 ore di stand by.

Questa marca è nota per la resistenza e la potenza della sua batteria. Inoltre se si sta scaricando, non si spegne, lasciandoci privi delle nostre comodità o interrompendo bruscamente una conversazione. Il kit stesso provvederà ad una nuova iniezione di carica nella batteria stessa.

Il kit di Avantree è disponibile al prezzo di 29,99 euro.

Anche la batteria del dispositivo Supertooth è sorprendente. Ha un’autonomia di circa 20 ore e di 1000 ore in stand by. Morbido al tatto e di colore nero, ha un pairing automatico in presenza di telefoni bluetotth dal 2.1 in poi.

Altra sua importante caratteristica è la potenza dell’altoparlante. Lasciando il dispositivo acceso nella vettura spenta, consente al ritorno di avviare una connessione automatica. Per quanto riguarda il dispositivo Supertooth abbiamo un costo che tocca i 40 euro.

Il dispositivo vivavoce Parrot ha un display LCD ed ha tra le funzionalità l’innovativo riconoscimento vocale. Grazie a questa particolarità è possibile chiamare un numero preso dalla nostra rubrica. Inoltre si ha la possibilità di registrare i nostri contatti sempre tramite l’uso della propria voce.

Sul display inoltre appariranno sempre le informazioni relative al nostro interlocutore. Queste infatti vengono registrate nel CK3100. Il Parrot ha un prezzo meno popolare. Si aggira infatti attorno ai 100,95 euro.

Il Parrot è disponibile anche in versione mini, compatibile in questo caso con l’HD voice. Il costo in questo caso scende a 71 euro. Tra le funzioni annoveriamo il riconoscimento vocale avanzato, il text to speech e la sincronizzazione della rubrica. Non sono però incluse nel prezzo le pile.

Il Tera Kit riesce a connettersi con iPhone 4S, 5, 5C, 5S, Nokia, Motorola, Samsung, Galaxy S4, S5, Note. Anche questi riesce a supportare due dispositivi contemporaneamente. Inoltre il dispositivo può essere utilizzato in altre lingue quali tedesco, cinese, francese, inglese e spagnolo.

Ultima modifica: 20 aprile 2017