Telepass Pyng:cos’è, come funziona e in quali città

59740 0
59740 0

Quante volte avete corso per rinnovare il ticket sulle strisce blu? Con Telepass Pyng non sarà più necessario: ecco il nuovo servizio per pagare il parcheggio anche a distanza.

Cos’è il Telepass Pyng

A partire dal 2015, la Società Autostradale ha istituito un nuovo metodo di pagamento per la sosta sulle strisce blu all’interno delle città. Già in precedenza era possibile infatti pagare diversi servizi: il transito autostradale, il parcheggio sugli aeroporti, l’accesso all’area C di Milano e il pagamento dei traghetti. Tramite il conto Telepass tutti i servizi potevano essere utilizzati portando all’interno della propria vettura l’apposito dispositivo. Con questa ultima novità 3.0, invece, adesso è necessario solo aver a disposizione il proprio Smartphone.

Il servizio mette a disposizione dei propri clienti che fanno parte del Telepass club la possibilità di pagare la sosta sulle strisce blu all’interno di molte città Italiane. La praticità di questo servizio consiste nel poterne usufruire anche a distanza nel caso in cui si voglia lasciare la propria automobile parcheggiata nelle aree apposite per più tempo del previsto. Quindi considerando la scadenza del ticket e magari la distanza per raggiungere la macchina, al fine di rinnovare la sosta, non sarà più necessario recarsi a rinnovare il parcheggio di persona, facendo sfiancanti corse per evitare una multa. Grazie a questo nuovo servizio della Società Autostrade i cittadini potranno dire addio ai parcometri e alla fretta di raggiungere l’auto prima della scadenza del ticket.

Come funziona

La modalità di utilizzo del Telepass Pyng è molto semplice e alla portata di tutti. Il servizio è nato infatti con lo scopo di facilitare la vita dei cittadini che spesso per imprevisti o altro non riescono a raggiungere la propria automobile in tempo, prima che scada l’orario del parcheggio, trovando quindi una spiacevole multa sul parabrezza. Innanzitutto per potere accedere a Telepass Pyng è necessario avere un conto Telepass; successivamente è possibile scaricare sul proprio Smartphone l’App “Telepass Pyng”, sia tramite il sito “Telepass”, accedendo all’apposita sezione, dove si possono trovare tutte le informazioni e istruzioni circa l’argomento insieme agli appositi link “Google Play” o “App Store” (l’Applicazione infatti è disponibile sia per i sistemi operativi Android che per quelli IOS).

Dopo aver scaricato l’apposita App sul vostro cellulare il gioco è fatto: effettuate l’accesso tramite il numero di contratto Telepass; questo verrà associato al servizio e potrete successivamente scegliere sia la targa del Telepass stesso, sia una nuova targa (in base all’automobile per cui vorrete pagare la sosta); successivamente dopo aver parcheggiato dovrete attivare il GPS sullo Smartphone e quindi il segnale individuerà la posizione della vostra auto. In alternativa è possibile anche inserire manualmente la posizione del parcheggio. Dopo aver confermato l’informazione richiesta della posizione potrete proseguire inserendo la targa e il periodo di sosta: al termine potrete confermare la tariffa per il parcheggio sulle strisce blu. L’importo sarà poi accreditato sul conto Telepass.

Per il controllo?

E per il controllo? È possibile trovare comunque una multa o già l’operazione di pagamento rende sicura la sosta? Quali precauzioni sono necessarie? Quando gli ausiliari addetti al controllo passeranno a verificare se la vostra auto è in regola con il pagamento del parcheggio avranno a loro disposizione un palmare dove viene inserita la targa e verificato il pagamento effettuato in tempo reale (non tardate nel caso dobbiate rinnovare il tempo di sosta).

Attenzione però: la novità del servizio, ovviamente, rende necessari alcuni accorgimenti. Nelle città di Milano, Monza, Napoli e Pavia è necessario segnalare il pagamento tramite l’apposito tagliando “Io pago il parcheggio con Telepass Pyng”. Questo viene inviato tramite email al momento dell’adesione al servizio o si può scaricare all’interno del sito. Il tagliando deve essere stampato e necessariamente esposto o all’interno della tasca assicurativa o comunque sul parabrezza, in modo visibile, come nel caso di un ticket per il parcheggio. In caso contrario potreste trovare una multa nonostante la regolarità del pagamento per la sosta sulle strisce blu. 10 minuti prima della scadenza, l’app darà un segnale di alert per avvertirvi; per prolungare la sosta sarà sufficiente quindi collegarsi all’app ed estendere il periodo per il tempo necessario. Allo stesso modo se la sosta dovesse interrompersi prima del tempo scelte potete scegliere di terminarla in anticipo.

Modalità di pagamento

Il pagamento della sosta viene effettuato tramite addebito sul conto Telepass. Niente carte di credito o anticipi quindi, proprio perché l’addebito viene effettuato anche in via posticipata. La praticità dell’App consiste nel contenere al proprio interno tutte le informazioni necessarie per usufruire al meglio del servizio. Un’altra informazione utile per i cittadini che vogliono iniziare ad utilizzare Telepass Pyng è la possibilità di pagare solo il tempo di sosta effettivo. Tramite l’applicazione sarà possibile estendere o terminare in anticipo la sosta. Allo stesso tempo però in alcuni comuni il pagamento viene calcolato attraverso piani tariffari a forfait (ad esempio 1€ per la prima mezz’ora) è in questo caso la sosta rimarrà attiva fino alla fine del periodo di forfait.

All’interno dell’app avrete anche la possibilità di controllare i pagamenti e le soste effettuate tramite la sezione “Archivio soste”. Inoltre avrete la possibilità di richiedere la ricevuta del pagamento della sosta andando sulla sezione “Precedenti” e scegliendo l’invio tramite email della ricevuta. Per accedere al rendiconto di tutte le soste effettuate si potrà utilizzare direttamente l’app oppure accedere, tramite altro dispositivo, all’area riservata “Telepass Club”. Un’ulteriore agevolazione si ha nel caso in cui ad usufruire del servizio sia un libero professionista o un’azienda, che avrà la possibilità di recuperare l’IVA tramite la fattura del pagamento.

In quali città si può utilizzare

Con Telepass Pyng si può pagare la sosta sulle strisce blu in diverse città italiane, soprattutto quelle più grandi. Il servizio però viene applicato anche all’interno dell’aeroporto di Roma Fiumicino.

Di seguito la lista di tutte le città che al momento hanno attivo il servizio di pagamento tramite l’app “Telepass Pyng”: Agropoli, Alessandria, Ancona, Bergamo, Bisceglie, Cassino, Cesena, Cesenatico, Cremona, Ferrara, Frascati, Gatteo, Grumo Nevano, Imola, Ivrea, Milano, Monza, Napoli, Pavia, Pavia Centro, Roma, Romano di Lombardia, Salerno, Santa Severa, Saronno, Torino, Varese.

Tramite questa comodissima App il parcheggio non è più uno stress: basterà avere a vostra disposizione il vostro smartphone e potrete godervi la vostra passeggiata!

Ultima modifica: 17 Maggio 2017