Sportello rifornimento bloccato: come comportarsi

970 0
970 0

Lo sportello rifornimento bloccato è una condizione potenzialmente pericolosa. Uno dei componenti apparentemente più insignificanti e trascurabili della nostra automobile potrebbe rivelarsi un grosso grattacapo e rovinarci un viaggio. Vediamo dunque come comportarsi in caso di sportello rifornimento bloccato.

Sportello rifornimento: cos’è

Lo sportello rifornimento bloccato è una problematica pressoché sconosciuta agli automobilisti della passata generazione, quando lo sportellino per l’immissione del carburante era regolato dalla classica chiavetta a vite. Ma le nuove auto hanno bandito quasi del tutto le soluzioni meccaniche e tutto si basa sull’elettronica e le onde radio. Oppure, come nel caso di specie, sugli sportelli che si aprono e chiudono grazie a sistemi magnetici.

Oggi, gli sportelli sono dotati tutti di un dispositivo che regola la chiusura grazie all’attrazione della parte esterna con la carrozzeria. Ma va anche detto che lo stesso sportello com’è concepito oggi, fino a qualche decennio fa non esisteva. C’era più propriamente un tappo che si svitava per accedere al serbatoio.

Ma, a partire dell’austerity degli anni Settanta (la fase di grave ristrettezza cui andò incontro anche il nostro Paese con i carburanti saliti alle stelle e introvabili), si moltiplicarono anche i furti di benzina e da allora si è cominciato a prevedere uno sportello sovrapposto al tappo.

Poi le case hanno provveduto a eliminare la classica chiavetta introducendo sistemi di ancoraggio magnetico collegati al sistema di apertura centralizzato del veicolo. Se ne è indubbiamente giovata la comodità di utilizzo. Ma cosa accade se inopinatamente l’intero sistema che regola l’apertura del veicolo dovesse andare in tilt per una qualsiasi ragione? Panico, in una parola. Ma è sempre meglio non farsi travolgere dall’ansia e restare analitici.

Sportello rifornimento bloccato: perché succede

Proviamo a capire la causa che sta alla base di uno sportello rifornimento bloccato. Ad esempio, potrebbe accadere che lo stesso non funzioni perché residui di sporco, l’ossido, i detriti stessi della benzina e del gasolio, potrebbero bloccare il gancio. In questo caso, potrebbe bastare una generosa dose di antiossidante e lubrificante spruzzato all’interno fino all’aggancio.

Se il meccanismo è magnetico, la causa potrebbe essere un guasto al sensore che apre e chiude il vano. Cosa fare in tal caso? Ovviamente, qui non basterà una spruzzatina di olio spray ma bisognerà provare strade alternative. Tentiamo con l’attivazione ripetuta in rapida sequenza del comando di apertura dell’auto attraverso il telecomando. Fatelo stando vicino allo sportellino e provando a spingere delicatamente lo stesso verso il piantoncino magnetico. Spesso basta questo per farlo riaprire.

Poi però rivolgeteci immediatamente a un tecnico specializzato affinché non si verifichi alla prima occasione. E… fate il pieno: è sempre preferibile prendere tempo. C’è poi la strada del danno minore. Se non riesce in nessun altro modo a scardinare quella dannata porticina, non vi resta che forzarla. Chiaramente dovrete evitare di farlo provocando danni alla carrozzeria o utilizzando leve che potrebbero restare bloccate all’interno, peggiorando la situazione.

Ultima modifica: 20 Gennaio 2022