Rientro in città, i consigli per evitare lo stress da ricerca parcheggio

1624 0
1624 0

L’estate è finita, con il rientro dalle ferie, il ritorno a scuola e in ufficio, le città si ripopolano, il traffico riprende e con esso anche l’ansia da ricerca parcheggio. Già perché girare e girare,  a volte non avere idea di dove lasciare l’auto, può far prendere dal panico anche il conducente più esperto.  Non vuol attardarsi al lavoro e/o portare i bambini a scuola in ritardo, intralciare altri conducenti, perdere il passaggio dato dal verde del semaforo, che passa al rosso in una manciata di secondi.

Una volta poi raggiunta finalmente la destinazione ecco che comunque un senso di claustrofobia lo pervade, le mani cominciano a sudare e  l’adrenalina scatta, l’ansia e la tensione fan da padrone, mentre nella testa iniziano a  formarsi specifiche domande, come: “Dove parcheggio? Riuscirò a fare la manovra e a parcheggiare in quel minuscolo spazio?”. Un senso di fastidio e stress che può intensificarsi se altre auto sono ferme in attesa.  

Come fare? La soluzione giunge da ParkingCar, la startup fondata nel 2019 da Mattia El Aouak per offrire un’esperienza di mobilità efficace nel settore del parking.  

ParkingMyCar infatti sviluppa innovazioni tecnologiche, che hanno nelle soluzioni di Smart Parking la chiave per avviare percorsi efficienti, in grado di generare vantaggi per tutti a livello sociale, economico ed ambientale. Per questo il suo ecosistema si basa su principi che combinano ricerca, tecnologia e sostenibilità. 

“Per non farsi prendere dal panico e dallo stress durante la guida è necessario trasformare il parcheggio, ovvero quell’entità in grado di rovinare la giornata a chiunque, in un’esperienza intelligente e gradevole, tramite soluzioni di Smart Parking – spiega Mattia El Aouak, founder della startup – facendo riferimento alla combinazione tra innovazione tecnologica,  prodotti connessi, big data, cloud e analytics – sostenibilità ambientale e benessere psicofisico, derivanti dalla possibilità di posteggiare un’auto in poche mosse. Nello specifico, i sistemi di Smart Parking permettono di reperire direttamente dal proprio smartphone o tablet parcheggio”.  

Pianificazione anticipata, scelta dei punti d’angolo e tolleranza verso gli altri conducenti: ecco i suggerimenti per sconfiggere l’ansia da ricerca parcheggio di ParkingMyCar  

Per rendere l’esperienza di parcheggio più facile, sicura ed economica, ParkingMyCar ha stilato una lista di 8 suggerimenti e consigli per sconfiggere lo stress da ricerca parcheggio.  

1. Pianificare in anticipo. Per non farsi trovare impreparati e non andare nel panico, è fondamentale verificare in anticipo se la propria destinazione offre soluzioni per il parcheggio su piattaforma web e/o app. Molte città hanno infatti opzioni di parcheggio ad alta tecnologia che aumentano la fruibilità dell’esperienza parcheggio: come il pagamento della sosta tramite telefono o app che aiutano a localizzare gli stalli disponibili.  

2. Non trasformarsi in un Grinch. Essere tolleranti verso gli altri conducenti è lo step successivo per evitare lo stress. Quando si aspetta in attesa di parcheggiare, è consigliato non bloccare gli altri automobilisti che cercano parcheggio. E’ buona norma parcheggiare assicurandosi di occupare un solo posto e che i vicini possano aprire le portiere del proprio veicolo.   

3. Prestare attenzione. Che si stia guidando o camminando verso la propria auto, è indispensabile evitare distrazioni pericolose come inviare messaggi di testo, parlare al telefono o qualsiasi altra cosa che impedisca di essere consapevoli di ciò che sta accadendo intorno a sé.   

4. Scegliere i punti d’angolo. Parcheggiare nel primo o nell’ultimo posto dell’isolato è la soluzione ideale perché evita di rimanere incastrati da altre auto: in sintesi si evita la possibilità di essere bloccati sul posto e si riduce la probabilità che entrambi i paraurti vengano danneggiati da altri parcheggiatori.   

5. Prediligere punti illuminati. “Parcheggiare in un’area della strada principale più illuminata aiuta a ridurre il rischio di atti vandalici o furti”. Il parcheggio di fronte a un edificio occupato può anche essere un deterrente per ladri e vandali.   

6. Parcheggiare in parallelo come un professionista. Un parcheggio strategico ha poca rilevanza se non si riesce a farvi entrare la propria auto. Il consiglio è imparare e praticare le corrette tecniche di parcheggio in parallelo!  

7. Leggere attentamente i segnali stradali. I segnali stradali comunicano molte cose: se e quando è consentito parcheggiare, quando si effettua ad esempio lo spazzamento delle strade e se è richiesto un permesso. Alcune città hanno poi regole diverse per il parcheggio diurno rispetto a quello notturno; altre norme potrebbero altresì non essere pubblicate. Se si sta visitando come turista una città, è raccomandato controllare il sito web della stessa per evitare sorprese costose e forse scomode.   

8. Mettere un pin. Si pensa davvero che non si possa dimenticare dove si è lasciato qualcosa che costa milioni di euro e pesa più di una tonnellata? Il consiglio è quello di usare un app di mappe sul telefono per inserire un segnaposto nel luogo in cui si ha parcheggiato.  

In conclusione …

 I livelli di ansia da parcheggio diminuiscono quando si sa di avere un’app che permette di pagare la sosta in città – prosegue il founder – Un’applicazione per la prenotazione e pagamento della sosta in città elimina il fastidio di dover portare sempre con sé il contante. Con ParkingMyCar, si può prenotare e pagare la sosta su base oraria, giornaliera o mensile.  Non solo, grazie all’app di ParkingMyCar l’utente potrà conoscere se quello selezionato è il parcheggio giusto per se stesso poiché avrà la possibilità di sceglierlo in base a location, caratteristiche e servizi”. 

Ultima modifica: 28 Settembre 2022