Quali sono gli optional auto più voluti e quali meno voluti

2270 0
2270 0

Quanto sono lontani i tempi in cui gli alzacristalli elettrici venivano considerati optional auto? Fino alla metà degli anni 80 di sicuro ed erano, assieme alla vernice metallizzata, gli optional più richiesti.

Poi vennero il climatizzatore automatico, l’impianto hi-fi, il tettuccio apribile, i cerchi in lega, i sedili regolabili e riscaldabili, per rimanere in tema di comfort e hi tech.

L’evoluzione dei tempi

Per quanto riguarda invece gli optional auto riferiti alla sicurezza, anche le cinture, prima dell’obbligo imposto dal codice della strada, erano considerate accessori, come l’ABS. E non erano in cima alla lista dei desideri di chi si accingeva ad acquistare un’auto nuova. Molti degli optional auto citati fanno ormai parte della dotazione minima di serie.

Altri hanno preso la via del declino, come la vernice metallizzata. Se anni fa era considerato un must e poteva incidere anche tanto sulla spesa finale per l’acquisto di una vettura nuova, oggi il colore metallizzato è tramontato in favore di soluzioni più accattivanti, come il colore satinato. Ma il ritorno al bianco base, come colore di tendenza soprattutto per i suv, consente anche di risparmiare sulla lista degli optional auto. In disuso anche il tettuccio apribile, così come lo abbiamo conosciuto, ma ha conquistato una discreta platea il tetto panoramico, l’enorme cristallo sulla testa che consente di sentirsi quasi in una cabrio, ma con il comfort dell’aria condizionata in una bella giornata di sole da trascorrere en plain air.

Vince l’hi tech

Le preferenze per gli optional auto si muovono sostanzialmente su due direttrici: la sicurezza e l’hi tech. Se il sistema ABS è ormai di serie, associato anche all’ESP, ci sono molti altri sistemi che possono essere installati su richiesta per rendere la guida più sicura e confortevole. Il park assist è sicuramente uno di questi e rientra a pieno titolo tra gli accessori di sicurezza, come anche il cruise control, che regola la velocità e che a breve dovrebbe diventare obbligatorio e dunque di serie. I più esigenti richiedono l’Hill assist per rendere la partenza in salita una manovra come le altre e non uno scoglio insormontabile.

Inossidabile alle mode e ai tempi la richiesta del maggior numero di air bag. Intramontabile anche l’antifurto nelle versioni più aggiornate possibili. Sul fronte hi tech è ormai indispensabile avere tra gli optional auto un navigatore che svolga anche funzioni di assistente personale. E naturalmente un’auto connessa è una vettura più “divertente” per i passeggeri che possono distrarsi con musica o video, oltre che con le ricerche lungo il tragitto.

Ultima modifica: 30 Aprile 2019