Pulizia dei sedili auto, quando non basta l’aspirapolvere

1005 0
1005 0

La pulizia dei sedili della propria auto è un momento fondamentale. Infatti, i sedili delle auto sono un bel ricettacolo di sporcizia, tra l’altro non sempre evidente. Qualunque sia il materiale di cui sono fatti (tessuto, pelle, o altro), il sedile assorbe macchie, polvere e, pertanto, essendo poi il luogo su cui ci si siede, sono il primo elemento ad aver bisogno di pulizia costante. In generale, quando si porta l’auto a lavare, anche i sedili vengono trattati.

Normalmente si tratta di una passata di aspirapolvere, in altri casi, se ce n’è la necessità, si può chiedere una pulizia più approfondita. E’ il caso di quando i sedili sono stati oggetto di un piccolo incidente: magari si è rovesciata una bevanda, oppure è caduto del cibo, o magari gli è stato appoggiato sopra qualcosa di unto. In questi casi, si può chiedere l’intervento degli addetti del lavaggio, oppure si può procedere con approccio fai da te. In questo caso, la prima cosa da fare è procurarsi il prodotto giusto. Vediamo quindi che cosa fare per la pulizia dei sedili dell’auto quando non basta la sola aspirapolvere.

I trucchi della nonna

Quando si decide di procedere alla pulizia dei sedili dell’auto in maniera autonoma, prima di acquistare dei prodotti specifici, si può provare a utilizzare quelli che possiamo definire i trucchi della nonna. Per esempio, un rimedio sempre verde è quello del bicarbonato. Naturalmente, prima di fare qualsiasi tipo di intervento, bisogna aspirare, in modo da togliere la polvere, le briciole, che si trovano soprattutto tra le fessure, nelle cuciture. Già che si ha l’aspirapolvere in mano, è sempre bene aspirare anche lo spazio sottostante, quello dove sono posti i tappettini, in modo che tutto l’ambiente risulti pulito.

Una volta fatto questo primo intervento, si deve preparare una emulsione di acqua – possibilmente calda – bicarbonato e, eventualmente, sapone da bucato o, ancora meglio, uno sgrassatore universali. Quest’ultimo deve essere utilizzato in maniera parsimoniosa, perché il rischio è che si crei parecchia schiuma. Il bicarbonato avrà il merito di eliminare la carica batterica, il sapone pulirà a fondo il tessuto o gli altri materiali. Naturalmente, per agire al meglio, occorrerà utilizzare una spazzola, non troppo dura. Un altro accorgimento importante: non bisogna impregnare di acqua il sedile, solo inumidirlo. Alla fine del lavoro, se dopo che si sarà passato un panno assorbente per eliminare l’umidità, è bene lasciare aperte le portiere, in modo che l’aria possa asciugare. Ma quello del bicarbonato non è l’unico rimedio home made: anche l’aceto e altri prodotti possono essere un aiuto.

Qualche rimedio fai da te

Un po’ di aceto e un po’ di acqua calda sono gli elementi utili per eliminare una macchia di caffè. Ma bisogna avere qualche accorgimento. Il primo, il più importante: la macchia si tampona e non si strofina, altrimenti il danno peggiora. Un altro grande classico in tema di macchie sui sedili dell’auto è quella di unto: in questo caso si dovrebbe intervenire in maniera tempestiva, ma non certo con il sapone. Si può provare ad assorbirla con la classica saponaria, oppure con del talco o del sale.

Si può provare anche con il bicarbonato, ma non è detto che vada a buon fine. In ogni caso la polvere che si è scelta deve agire per almeno un quarto di ora. Dopo di che, sarà il momento di un buon sgrassatore. Un’altra tipica macchia la conoscono bene coloro che in auto viaggiano con i bambini. L’inconveniente è noto e tipico, ed è anche una bella seccatura. Al momento, quello che si può fare, si può provare a intervenire con l’acqua, meglio se frizzante. In un secondo momento converrà far lavare l’auto a un professionista del settore, che utilizzerà prodotti ad hoc.

E se il sedile è in pelle?

Tutti gli accorgimenti di cui sopra sono particolarmente indicati per i sedili di auto in tessuto. Per le auto che invece hanno sedili in pelle, meglio optare per prodotti molto più specifici, il rischio di danneggiare la pelle è alto. In ogni caso, se succede qualcosa ai sedili in pelle e non si ha la possibilità di intervenire tempestivamente con un prodotto professionale, si possono fare dei tentativi con prodotti alternativi.

Uno degli escamotage più diffusi è quello dell’impiego di prodotti molto femminili, per esempio il latte detergente che si utilizza per struccare il viso. Ovviamente non servono grandi quantità, che potrebbero essere dannose: si utilizza un batuffolo di cotone con qualche goccia di latte e poi si passa con un panno morbido. Con i sedili in pelle, poi, si può provare a lavorare in prevenzione. Ci sono infatti dei prodotti in commercio che sono finalizzati proprio allo scopo di proteggere: sono degli spray che fanno un’azione repellente, perché di fatto costituiscono un’invisibile barriera protettiva. Ciò non significa che il sedile non si sporcherà mai, ma di sicuro qualcosa fanno.

Ultima modifica: 19 marzo 2021