Patente a ore: come ottenere il permesso?

24770 0
24770 0

Spesso si verificano casi in cui alcuni automobilisti vengono colti in flagrante, ossia sono sorpresi alla guida della propria autovettura in stato di ebbrezza. A quel punto per loro scatta inevitabilmente il ritiro della propria patente di guida; tuttavia sia il codice penale che quello della strada contemplano, entro cinque giorni dall’avvenuto ritiro di tale documento, la possibilità per il guidatore di poter far richiesta del cosiddetto “permesso di guida temporaneo”, cioè la patente a ore. La condizione necessaria e sufficiente affinché la richiesta di questo particolare documento abbia un esito positivo riguarda il fatto che la guida in stato di ebbrezza non abbia provocato alcun tipo di incidente. La patente di guida temporanea ha una durata massima di tre ore al giorno.

Come ottenere la patente di guida temporanea

Per ottenere il permesso del documento di guida temporanea è necessario presentare istanza al Prefetto, corredata naturalmente di necessaria motivazione e accurata documentazione. Tale concessione viene resa possibile soprattutto per quelle persone che hanno notevoli esigenze di recarsi al lavoro solitamente in automobile.

Il caso particolare dei lavoratori

Nel caso in cui a fare richiesta della patente di guida temporanea siano i lavoratori, bisogna allegare alla richiesta prevista la certificazione del datore di lavoro con specificati l’orario, la dichiarazione del soggetto in questione dell’impossibilità di raggiungere il suddetto luogo di lavoro con mezzi di locomozione che non siano evidentemente l’automobile (ovvero bicicletta, motorino, autobus, tram, etc…).

Il caso particolare dei non lavoratori

Oltre a coloro che necessitano del permesso di guida temporaneo per questioni legate al proprio lavoro, esiste la possibilità di far richiesta di questo particolare permesso anche per quei “non lavoratori” che possono beneficiare dell’articolo 33, ossia quello relativo all’invalidità civile. Nel caso in essere, devono essere allegati alla richiesta quei documenti che attestano l’invalidità della persona e l’impossibilità di altri individui di accompagnare l’invalido.

Nel caso in cui la dichiarazione di cui sopra non venga presentata e sottoscritta direttamente negli uffici della Prefettura, la persona interessata deve allegare necessariamente alla domanda una fotocopia non autenticata del proprio documento di identità, secondo quanto predispone l’articolo numero 38 del D.P.R. 445/2000.

L’effetto negativo

Il rilascio del permesso di guida temporaneo comporta un effetto negativo: allunga in automatico il decorso della sospensione della patente. Il periodo relativo a tale sospensione viene aumentato di un numero di giorni che è pari al doppio delle ore complessive per cui è stata autorizzata la guida, arrotondato per eccesso.

Ultima modifica: 9 Maggio 2017