Noleggio con conducente: tutto quello che devi sapere

5143 0
5143 0

E’ un servizio che si sta affermando sempre di più. Il noleggio con conducente, se prima era riservato a una clientela di tipo business e di livello alquanto elevato, oggi viene considerato un servizio più diffuso e con una flessibilità che si adatta anche a eventi privati, come possono essere feste, matrimoni, gite di famiglia.

Merito forse delle norme più restrittive sulla guida in stato di ebbrezza.

Noleggio con conducente, le nuove possibilità

La possibilità di avere un mezzo che in tutta sicurezza trasporti a destinazione e poi riconduca a casa gli invitati viene considerata sempre con maggiore attenzione.

Ma esistono delle regola ben precise per definire il noleggio con conducente e non sfociare nel servizio taxi abusivo o nel trasporto in generale abusivo. La diffusione, merito anche di una concorrenza maggiore e di tariffe sempre più vantaggiose, con il servizio taxi è innegabile.

Di recente si sono avute manifestazioni di protesta a livello nazionale sia tra gli addetti del comparto NCC, che tra i tassisti, che accusano i “colleghi” di una concorrenza sleale, potendo operare su tutti il territorio nazionale, ovvero senza limiti di territorialità.

Una delle caratteristiche principali del noleggio con conducente è la possibilità di prendere in affitto un mezzo adibito al trasporto di più persone, con un autista qualificato, che conduca la comitiva ovunque lo desideri, a patto che il percorso venga preordinato in partenza e che il mezzo, a fine servizio rientri in rimessa. Non è concesso infatti agli operatori NCC di sostare nelle aree vicine alla sosta dei taxi, in attesa di nuovi clienti. Non è possibile riprendere il servizio dal posto in cui è terminato un altro accompagnamento.

Tutto questo sconfinerebbe in quelle che sono le prerogative attribuite al servizio taxi, che però ha il limite di poter operare sono nelle zone per le quali è autorizzato da una licenza comunale. Esiste poi il trasporto abusivo che consiste nell’affidarsi a un privato, che non disponga di alcune licenza, che non abbia un mezzo a norma per il trasporto di persone e che non abbia neppure la patente per il trasporto di persone.

In queste condizioni è impensabile pretendere una fattura o altro documento fiscale che attesti il pagamento. Oltre ad avere un pessimo servizio, si corrono anche rischi, legati al trasporto in strada, che non sarebbero neppure coperti da garanzie assicurative.

Noleggio con conducente, quali mezzi usare

Una delle caratteristiche fondamentali del servizio NCC è per l’appunto l’uso di mezzi a norma, perfettamente efficienti, guidati da personale qualificato, in presenza di adeguate coperture assicurative. Se non si tratta di mini-autobus, van o anche pullman per il trasporto di oltre 50 persone, molto spesso si mettono a disposizione auto di lusso.

E’ un’attività, quella del Noleggio conducente, che comporta un certo investimento per poter essere impiantata, ma d’altro canto può garantire guadagni elevati. E’ necessario avere a disposizione auto sempre recenti e in perfetto stato, anche da un punto di vista estetico. Discorso che vale anche per i mezzi adibiti a trasporto per 9 o più passeggeri.

Per quanto concerne le tariffe, non esiste un prezzario base. Tutto è delegato alla contrattazione privata e alla libera concorrenza. In genere non sono servizi a basso costo.

E’ importante però che il servizio avvenga attraverso una prenotazione, non importa se telefonica o via web e con pagamento anticipato e tracciabile.

Gli autisti infatti non sono abilitati a incassare denaro, a meno che il loro contratto di lavoro non lo preveda espressamente. Esistono poi dei requisiti essenziali e indispensabili per impiantare un’attività di Noleggio con conducente.

Come avviare un Noleggio con conducente

Se si ha in mente un’azienda di piccole dimensioni, dove proprietario e autista siano la stessa persona allora è necessario avere 21 anni, carichi pendenti e casellario giudiziario non gravati da pendenze o sentenze di condanna.

Bisogna avere anche le capacità psicofisiche compatibili con la guida e certificate da un medico, oltre ad avere la CAP, la Certificazione di Abilitazione Professionale assieme alla tipologia di patente necessaria per il veicolo da guidare.

Per ottenere la CAP bisogna rivolgersi alla Motorizzazione Civile della provincia di residenza o nella quale si intende svolgere l’attività di Noleggio con conducente. L’iter burocratico prevede la compilazione di un modulo, scaricabile anche dal sito della motorizzazione, nel quale riportare i dati anagrafici e una serie di altri dati utili a conseguire la certificazione.

E’ previsto il pagamento di alcune imposte. Completato il processo burocratico, si viene ammessi a un esame teorico da tenere presso la sede della Motorizzazione civile. Non è comunque finita qui.

Il conseguimento della CAP non è infatti l’unica documentazione necessaria e indispensabile per avviare l’attività di NCC.

Le autorizzazioni per attivare un Noleggio con conducente

Dopo le autorizzazioni al trasporto, occorrono quelle amministrative che rilascia il Comune presso il quale si impianta l’attività.

Occorre quindi inoltrare una domanda, che però deve rispettare i termini dei bandi periodici che gli stessi enti locali ciclicamente emanano. Il Noleggio Con Conducente è infatti un tipo di attività sottoposta a vincoli numerici. Si crea così una sorta di graduatoria che va ad esaurimento.

E’ impensabile autorizzare un numero di attività di gran lunga superiore al fabbisogno del territorio. Per accedere a questo tipo di graduatoria bisogna anche essere in grado di dimostrare di possedere il veicolo, o i mezzi, nel caso di un’attività più articolata, adeguati al trasporto delle persone.

E la licenza viene rilasciata solo in presenza di una sede che risponda a determinati requisiti. Deve infatti trattarsi di una sede con un’autorimessa adeguata dal punto di vista della normativa di sicurezza e igiene del lavoro. Occorrono anche l’iscrizione alla Camera di Commercio della provincia nella quale si intende esercitare, l’iscrizione al registro delle imprese e l’apertura di una partita Iva per la posizione fiscale.

Soltanto in presenza di tutte queste condizioni l’attività di Noleggio con Conducente può dirsi perfettamente legale.

Ultima modifica: 21 Marzo 2019