Gestire un’officina auto: cosa sapere prima di cominciare

3967 0
3967 0

Aprire un’officina meccanica può rappresentare un’ottima opportunità di lavoro per quanti hanno dimestichezza con i veicoli e tanto entusiasmo. Sì perché, va detto, non è uno scherzo mettere su un’attività che richiede tanta fatica fisica, abnegazione e capacità manageriali. Evidentemente, non si tratta di un’attività commerciale come qualsiasi altra, ma ha caratteristiche che impongono di conoscere i segreti del mestiere prima di alzare la saracinesca. Se siete interessati a gestire un’officina auto, seguiteci per scoprire cosa sapere prima di cominciare.

Non solo competenza: il successo è anche nei dettagli

Può sembrare un dettaglio trascurabile e invece da essa dipende molta parte di successo per una nuova officina di riparazione auto: la pulizia dei locali. Vero è che da un luogo di lavoro nel quale si mette mano su coppe dell’olio, pompe di benzina e radiatori, è lecito non attendersi le condizioni di una sala chirurgica. Ma è pur vero che tra un’officina grondante di grasso e una che si presenta decorosa, molti di noi opteranno per quest’ultima.

Ci sono poi le questioni che potremmo definire più sostanziali come l’organizzazione della sala, la disposizione della buca e dei ponti, il parco collaboratori, e via elencando. Per cui, prima di avviare un’officina per autoriparazioni è necessario farsi consigliare da persone esperte e stabilire procedure affidabili in merito a questioni cruciali come la fase di accettazione e studio preliminare del caso, i tempi di lavorazione, la prova su strada e la riconsegna. Molto importante è poi creare un team di lavoro affiatato oltre che ben organizzato, così da superare le situazioni critiche grazie allo spirito di squadra.

L’importanza di una buona organizzazione

Prima di cominciare è necessario fissare alcune procedure di lavorazione basilari, in modo da non avere incertezze al momento di affrontare i casi che vi verranno prospettati. Una delle questioni fondamentali, ad esempio, è: come comportarsi se arriva all’improvviso un cliente mentre siamo impegnati nella riparazione di una vettura già in officina? Le esigenze commerciali inducono a “tuffarsi” sul nuovo cliente facendo passare in second’ordine quello già acquisito. Occorre però prestare attenzione perché potrebbe rivelarsi un boomerang: allungare i tempi di lavorazione al fine di aumentare l’utenza potrebbe infatti portare alla lunga a una disaffezione dei clienti storici che restano invece la base da non perdere mai.

È opportuno inoltre non dare mai per scontate le proprie competenze. Quando potrete sarà bene frequentare corsi d’aggiornamento professionale per acquisire conoscenze più moderne e confrontarsi con istruttori e colleghi. Altri punti chiave da mettere a fuoco sono la gestione dei prezzi da applicare e i contatti con i fornitori di ricambi.

Ultima modifica: 18 Settembre 2021