Come diventare un autista privato

14471 0
14471 0

Al giorno d’oggi, a causa della crisi che interessa l’occupazione, trovare un lavoro è un’impresa ardua e spesso, la mansione che si svolge giornalmente non rappresenta a pieno i propri sogni. Il posto fisso, si sa, non esiste praticamente più e molte persone provano ad investire in un’attività che li renda autonomi: è il caso dell’autista privato.

Prova a cambiare

Se anche tu, almeno una volta, hai pensato di cambiare lavoro perché quello attuale non ti soddisfa abbastanza, stai cercando un’attività che ti consenta di ottenere guadagni più alti e, soprattutto, che abbia orari più flessibili, leggere questa piccola guida potrebbe essere un’ottima idea!

In questo caso, la soluzione migliore per te, potrebbe essere quella di diventare un libero professionista; certo, dovrai consultare un buon commercialista per l’apertura della partita IVA e conoscere ogni aspetto legale riguardante tale operazione, ma sicuramente non te ne pentirai!

Ma quale mansione scegliere?

Per decidere è opportuno valutare le proprie conoscenze, il talento e, soprattutto, prestare attenzione a ciò che davvero si desidera fare. Non bisogna però dimenticare di considerare la questione relativa al profitto. Tra i lavori più pagati del 2019, ad esempio, c’è quello svolto dagli autisti privati. Si tratta di un’attività molto redditizia, semplice da svolgere e ideale per chi ama guidare.

Come si diventa autista privato? Per poter iniziare a lavorare come autista privato occorre possedere la patente di guida. A seconda del mezzo di trasporto che si desidera guidare è necessario conseguire una determinata tipologia di patente. Questo però, non è sufficiente, in quanto è opportuno conoscere molto bene la geografia del proprio o di altri paesi, qualora si voglia praticare la professione anche all’estero. Inoltre, è bene avere nozioni approfondite sulla manutenzione dei veicoli e soprattutto, essere in grado di guidare con disinvoltura.

Per quanto riguarda la formazione, non è necessario svolgere alcun corso di laurea o di altro genere, ma occorre presentare alla Camera di Commercio la domanda per l’abilitazione, che si otterrà soltanto dopo aver superato un esame specifico. Infine, dopo aver effettuato questo step, dovrai versare una cifra per i diritti di segreteria e rivolgerti al tuo Comune di residenza per comunicare l’inizio della tua nuova attività. Il Comune dovrà concederti l’autorizzazione, che otterrai tramite la partecipazione ad un bando pubblico.

In media, lo stipendio mensile di un autista privato si aggira attorno ai 1500 euro, ma può anche aumentare a seconda dell’esperienza e del tipo di clientela a cui ci si rivolge.

Ultima modifica: 26 Febbraio 2019