Un’Aston Martin elettrica nel nuovo film di James Bond

2032 0
2032 0

Due miti si incontrano di nuovo: da una parte una Aston Martin, ossia il sogno di tanti. Dall’altro James Bond, ossia il sogno di tante. Ma, nel nuovo film che vede protagonisti entrambi, la Aston Martin non è una Aston Martin qualsiasi.
Perché? Perché – in linea con i dettami che arrivano dalla Unione Europea e, più in generale dalle istituzioni mondiali – la Aston protagonista del nuovo film di James Bond è elettrica. Sì, proprio così. Una scelta che attualizza non di poco la nota pellicola e che potrebbe contribuire a indirizzare il mondo verso una mobilità più amica dell’ambiente.

Ma andiamo con ordine e vediamo che cosa succede nelle avventurose scene di uno dei film più amati di sempre.

James Bond – Aston Martin: Una coppia rodata

Non è la prima volta che Aston Martin e James Bond si trovano a recitare insieme. La première di questo importante sodalizio risale però a ben 55 anni fa, quando l’indimenticabile e affascinante Sean Connery era alla guida di una altrettanto interessante DB5. Erano i tempi di Missione Goldfinger, uno degli episodi della serie cinematografica che in pochi non conoscono. Ma quello di di Connery non è stato un caso sporadico: le Aston Martin hanno recitato al fianco di 007 per una dozzina di volte. Tra le auto impiegate nella serie, sono state le vere protagoniste: solo in sporadiche occasioni sono state sostituite da Ferrari, Lotus, Alfa Romeo e Maserati.

Tocca alla serie E essere al fianco di 007

Questa volta 007, oltre a essere impegnato in chissà quale missione impossibile e al limite con la realtà, si cimenterà in un’altra delle sfide più grandi: quella di salvare il mondo dall’inquinamento atmosferico. E per farlo, al suo fianco – presumibilmente, perchè la notizia è ancora alla ricerca della conferma ufficiale – una splendida Aston Martin Rapide E, la versione elettrica di Casa Aston Martin che verrà lanciata alla fine di quest’anno 2019. Si tratta di una auto davvero esclusiva, per cui è prevista una produzione limitatissima, che non arriverà ai 200 esemplari. Ma al momento i particolari che trapelano sono pochissimi: d’altro canto, stiamo parlando di una serie cinematografica che ha fatto la sua fortuna sui colpi di scena e sui colpi di teatro. Di sicuro, se la notizia dovesse essere confermata, l’impatto per la mobilità elettrica ci sarà.

Ultima modifica: 3 Giugno 2019