Airbag centrale: caratteristiche e funzione

6559 0
6559 0

All’interno dell’autovettura è possibile reperire un dispositivo salvavita in grado di proteggere i passeggeri in caso di urti: l’airbag
Che funzione ha l’airbag? Quanti dispositivi salvavita sono presenti all’interno dell’abitacolo? Esterno, a tendina e centrale sono i principali dispositivi salvavita che possono essere reperiti all’interno dell’abitacolo della vettura.
Facciamo un po’ di chiarezza in merito alle differenze che intercorrono tra i tre diversi dispositivi in grado di proteggere ed attutire gli urti dei passeggeri in caso di collisione.
L’airbag esterno è, dal punto di vista dimensionale, grande più del doppio di quelli tradizionali ed ha la funzione di proteggere l’autovettura sui lati.
Lo stesso airbag esterno si attiva non appena si verifica una collisione o un impatto (in un incidente) e protegge i passeggeri ed il guidatore dalla parte laterale.
L’airbag esterno entra in funzione in un millisecondo prima e non dopo la collisione stessa.
Per quanto concerne l’airbag centrale, esso è il dispositivo salvavita simile ad un cuscino anti testate passeggeri.
L’interazione tra passeggeri all’interno dell’abitacolo è limitata in caso di collisione, con l’introduzione di un cuscino che si apre tra i sedili, inibendo la collisione tra le teste.
In un urto o collisione che si verifica in caso di incidente, le cinture di sicurezza non sempre sono in grado di trattenere i passeggeri anche negli sbalzi laterali e spesso essi possono sbattere l’uno contro l’altro.
Un cuscino centrale integrato tra i sedili inibisce i pericolosi colpi e consente di ridurre i movimenti laterali della testa.
Una volta aperto, il cuscino centrale anti testate resta statico tra il pilota ed il passeggero e permette di riempire lo spazio esistete all’altezza delle spalle dei passeggeri, salvando le loro vite nell’impatto.
Per le auto del futuro, la ZF ha presentato un nuovo modello di airbag centrale, integrato nel sedile.
Lo stesso dispositivo centrale ha la funzione di aprirsi al centro dell’autovettura e di ridurre i movimenti laterali del capo dei passeggeri e le collisioni tra i vari soggetti all’interno dell’abitacolo della vettura, in caso d’incidente.
La ZF Friedrichshafen AG, notissima multinazionale tedesca produttrice di componenti, ha espletato il suo studio sui nuovi protocolli che l‘Euro NCAP (il programma europeo di valutazione delle nuove automobili) introdurrà entro il 2020, rendendo ancora più severi i giudizi sugli impatti e collisioni.
Secondo il sistema di protezione sviluppato dalla ZF, i sedili anteriori vanno ad integrare il cuscino nella parte superiore interna.
La soluzione studiata dalla ZF, oltre ad una maggiore sicurezza, consente una maggiore libertà ai progettisti del design.
Si tratta di una svolta decisa alle future soluzioni di mobilità ed alle autovetture diverse rispetto a quelle tradizionali, venendo a sfruttare anche sedili mobili.

Ultima modifica: 28 Luglio 2017