I 5 SUV economici con un consumo di carburante fino a 5 l/100 km

2251 0
2251 0

La popolarità dei SUV continua a crescere. Quasi un’auto nuova su due (45,5%) venduta in Europa è un SUV e i SUV fino a 10 anni raggiungono il 36,7%, mentre i SUV fino a 5 anni il 40,7%. 

I clienti raccontano sempre frequentemente di come i SUV siano dotati di una migliore visibilità, una maggiore facilità di accesso, un senso di sicurezza ed una maggiore confidenza nella guida su strade non asfaltate, come ragioni per l’acquisto, poiché anche i SUV senza trazione integrale hanno un telaio rialzato.

Tuttavia, la loro struttura più alta comporta una maggiore resistenza aerodinamica e, di conseguenza, un maggiore consumo di carburante, un parametro molto osservato in tempi di prezzi record del carburante. carvago.com ha scelto cinque modelli di SUV che potrebbero non essere i primi a venirvi in mente, ma che non vi faranno spendere una fortuna per acquisto e gestione, pur soddisfacendo le esigenze di spazio della famiglia media.

BMW X1 xDrive25e

BMW X1 20d xDrive Steptronic

Prestazioni: 140 kW/190 CV

Consumi: da 4,9 l/100 km

Chi si sarebbe aspettato che la prima auto della nostra recensione fosse di un marchio premium? E con l’automatico e la trazione integrale? È vero. In generale, BMW dispone di motori estremamente efficienti che consentono di ottenere consumi ridotti anche nel traffico reale di tutti i giorni, se il guidatore si impegna un po’. Le auto della nostra fascia di prezzo non saranno in condizioni pari al nuovo e non saranno ricche di dotazioni extra, ma la scelta è comunque discreta. Un consiglio: se vi accontentate di una potenza inferiore, la 18d è ancora più economica (da 4,3 l/100 km) e con 110 kW (150 CV) è ancora perfettamente adeguata. Ricordate, però, che state acquistando un prodotto premium. Potrete risparmiare sul carburante, ma i prezzi di alcuni ricambi e le tariffe orarie delle officine autorizzate non saranno bassi.

Mazda CX-5 2022

Mazda CX-5 2.2 Skyactiv-D

Prestazioni: 110 kW/150 CV

Consumi: a partire da 5,0 l/100 km

A Mazda piace fare le cose a modo suo. Per esempio, non ha affatto abbracciato la tendenza al downsizing, cioè a ridurre la cilindrata dei motori a benzina in particolare e a “recuperare” potenza con la sovralimentazione. E si noti che anche il suo diesel ha una generosa cilindrata di 2,2 litri. Ma va bene così, vi aspetta comunque una delle migliori esperienze di guida di questa categoria, grazie alla posizione di guida confortevole e al comportamento armonioso in curva che Mazda si preoccupa di garantire in tutti i modelli. Inoltre, il grande motore eroga un’esplosione di potenza quando è necessario, che le unità più piccole non riescono mai a emulare.

I piccoli difetti non guastano. Il touchscreen, ad esempio, non funziona durante la guida, perché Mazda sostiene che non è sicuro e che si dovrebbe azionare il sistema di bordo con un controller tra i sedili. E ha ragione.

Nissan Qashqai 1.5 dCi 

Prestazioni: 85 kW/115 CV

Consumi: da 3,8 l/100 km

Anni fa, il produttore giapponese è stato uno dei primi a capire che i SUV non hanno bisogno di trazione integrale o di ambizioni fuoristradistiche, perché le persone li acquistano per motivi completamente diversi – e la Qashqai, presentata come un “crossover urbano”, ha riscosso un enorme successo in tutta Europa. Oggi deve affrontare una concorrenza molto più agguerrita e non si trova più nelle classifiche dei veicoli più venduti, ma rimane molto popolare, soprattutto nei Paesi del Sud.

Il nostro limite di consumo di carburante è soddisfatto dalla versione a benzina 1.3, ma in pratica ha molto a che fare con un’auto relativamente pesante, motivo per cui abbiamo scelto l’unità diesel 1.5 dCi. Rientrerebbe nel limite di consumo anche con l’automatico (4,4 l/100 km). L’attuale terza generazione non la si produce più con il motore diesel, ma è arrivata sul mercato solo l’anno scorso e si trova ancora raramente sul mercato dell’usato.

Peugeot 3008, il SUV leader è anche ibrido

Peugeot 3008 1.5 BlueHDi 

Prestazioni: 96 kW/130 CV

Consumi: a partire da 4,2 l/100 km

Come la più piccola 2008 e la più grande 5008, questa Peugeot non offre la trazione integrale, ma ai clienti non dispiace. La 3008 ha avuto un successo duraturo, ad esempio l’anno scorso ha trovato più clienti in Europa rispetto alla VW Tiguan. Ecco perché l’offerta di auto usate è molto ricca. Nel 2020, la Peugeot 3008 ha subìto un lifting, durante il quale è diventata molto popolare.

Soprattutto all’interno, ora ha un’impronta molto moderna e preziosa. Il cosiddetto “i-cockpit”, con il suo volante piccolo e ribassato, può essere un po’ fastidioso quando lo si prova per la prima volta, ma è facile abituarsi. Il motore diesel 1.5 è vivace ed i consumi non crescono troppo anche se abbinato all’automatico.

Toyota RAV4 2.5 Ibrido

Prestazioni: 145 kW/197 CV

Consumi: a partire da 4,9 l/100 km

Se Toyota, allora ibrido. Anche se un RAV4 con motore diesel soddisferebbe i nostri criteri, il suo più grande vantaggio competitivo è il suo sofisticato powertrain ibrido. Possiamo far rientrare nel limite di prezzo le auto della generazione precedente, offerte fino al 2018. L’ibrido esiste anche in versione AWD con un secondo motore elettrico sull’asse posteriore, ma lo standard era una combinazione di un motore a combustione interna da 114 kW e un motore elettrico da 105 kW che azionava le ruote anteriori.

Questo tipo di propulsore non è adatto alla corsia di sinistra dell’autostrada o alle strade di montagna, ma brilla ancora di più in città, dove i motori a combustione interna convenzionali, invece, fanno registrare i consumi più elevati. L’ambiente circostante apprezzerà il fatto che un motore a combustione interna funzionante con il ciclo Atkinson, emetta una quantità di inquinanti nettamente inferiore rispetto a un diesel con un consumo di carburante analogo.

Le parole di Antonio Gentile, Country Manager di Carvago per l’Italia

Trovare un SUV economico non sarebbe stato troppo difficile, se ci fossimo accontentati di auto più piccole come la Peugeot 2008 o la Skoda Kamiq. Ma noi cercavamo solo modelli in grado di portare in vacanza una famiglia di quattro persone, nella loro semplicità. Come parametri di ricerca di base abbiamo fissato un prezzo di 28.000 euro, un chilometraggio fino a 99.000 km e un’età massima di 5 anni; tra le dotazioni abbiamo richiesto almeno il cruise control e i sensori di parcheggio”.

“Cosa si intende esattamente per bassi consumi? Per noi, fino a cinque litri per cento chilometri. Sì, realisticamente, queste auto andranno a ruba – se non altro perché erano ancora omologate secondo la più benevola metodologia NEDC, che negli ultimi anni è stata gradualmente sostituita dal più “severo” ciclo di misurazione WLTP. Ma il vantaggio di una metodologia uniforme di misurazione dei consumi è che i singoli modelli possono essere confrontati tra loro – e questi sono semplicemente più efficienti rispetto ad altre auto omologate nello stesso periodo con la stessa procedura

Ultima modifica: 23 Agosto 2022