Volkswagen e-up!, la prova. La citycar elettrica raddoppia l’autonomia

1944 0
1944 0

È la risposta a chi deve affrontare i percorsi prevalentemente cittadini: elettrica, agile e scattante, dotata di tutti gli strumenti che rendono confortevole la guida.

Ma è l’autonomia a fare la differenza, uno dei motivi d’ansia più diffusi verso questo tipo di vetture. L’evoluzione della up! di Volskwagen, lanciata per la prima volta nel 2013, ha portato sul mercato una versione elettrica che diminuisce nel prezzo (da 23.350 euro, ma può scendere sotto i 20mila con l’ecobonus), con 100 chilometri in più di autonomia.

E-up!

Fedele al modello precedente come carrozzeria e meccanica, tecnologicamente avanzata anche sul piano funzionale, ideale come seconda vettura, la e-up! può infatti viaggiare per 260 km.

E-up!

Leggi anche: Volkswagen Tiguan 2020, prima immagine

La capacità di immagazzinare energia rispetto alla prima versione è quasi raddoppiata da 18,7 a 35,8 kWh. Per la ricarica fino all’80% della batteria è sufficiente un’ora da una colonnina pubblica a corrente continua da 40KW; quattro se si utilizza una wallbox da 7.2 kWh a corrente alternata.

Le ore diventano sedici se il rifornimento (fino al 100%) avviene con una presa domestica da 2,3 kW. In questo caso una attesa lunga ma conveniente, al punto che sfruttando la corrente di casa in un percorso cittadino il costo per 100 km sta sotto i 3 euro.

La e-up! offre tre profili di guida e cinque livelli di recupero di energia. Oltre a quella standard, in modalità Eco la spinta del motore è ridotta a 68cv, velocità massima 115 km/ e climatizzato disattivato. Se vogliamo ridurre ancora i consumi in Eco+ i cavalli si riducono a 54 e la velocità è limitata a 90 km/h.

Il recupero energia dalla frenata, attivato premendo un tasto, offre un ricco ventaglio di possibilità: a livello D l’auto procede liberamente togliendo il piede dall’acceleratore. All’estremità in B, si recupera energia massima senza l’impiego del pedale del freno vista la forte decelerazione.

E-up!

Testata a Valencia (prima della pandemia) ma anche in autostrada, ha mostrato tutta la sua vivacità. L’abitacolo spazioso e sfruttato al meglio, può ospitare quattro persone. Le finiture sono essenziali e tutto è a portata di mano come il comodo alloggiamento per il telefono.

La e-up! è talmente silenziosa che a velocità da 5 a 22 km/h emette all’esterno un suono che simula il rumore del motore per avvertire i passanti più distratti. Grazie all’app We Connect di serie si possono programmare o interrompere a distanza le operazioni di ricarica e di climatizzazione.

A livello di allestimenti tre le opzioni. Di serie il volante multifunzione, i sensori parcheggio con telecamera, il cruise control.

Paolo Reggianini

Volkswagen e-up!, la galleria fotografica

Leggi anche: Volkswagen Nivus, nuove informazioni

Ultima modifica: 29 Aprile 2020

In questo articolo