Volkswagen, nel 2035 fine produzione di auto con motore a combustione

1213 0
1213 0

Volkswagen si allinea alla politica del Gruppo. La Casa di Wolfsburg resta nel solco deciso, ma cambia leggermente registro rispetto ad Audi.

Klaus Zellmer, il responsabile delle vendite del Marchio, ha dichiarato al Muenchner Merkur che fermerà in Europa la vendita delle auto endotermiche, diesel, benzina e ibride, entro il 2035 e successivamente anche negli Stati Uniti d’America e in Cina. Un piano progressivo a livello mondiale.

Un anticipo di due anni prima rispetto ad Audi, per l’Europa, con la flotta mondiale a zero emissioni al massimo per il 2050. Una rivoluzione, lunga, ma comunque in accelerazione: sei anni dopo il Dieselgate, che ha minato fortemente il prestigio del Gruppo e forzato pesantemente la transizione all’elettrico, la situazione è delineata. La scelta è definitiva.

Le parole di Zellmer

VW dovrà adattarsi in fretta alle politiche e alle possibilità delle varie Regioni. E concentrarsi allo stesso tempo sui bisogni e i desideri dei clienti. Anche se la discussione per i nuovi limiti di emissioni di CO2 per il 2030 e per il 2035 è ancora nel suo pieno, noi programmiamo che le nostre vendite di auto elettriche in Europa nel 2030 saranno il 70% del totale”.

Indirizzo sicuro, ma Zellmer non ha parlato di assoluti a breve e medio termine. Ribandendo che la scelta sarà del cliente e che per qualche anno sarà necessaria, per vendere, la tecnologia dei motori termici. “Proseguiremo – ha detto il dirigente – nello sviluppo dei motori endotermici in questi anni. Anche il Diesel, senza dubbio, seppur l’arrivo dello standard Euro 7 (2026, ndr) sarà un gradino non facile. Ma chi percorre molti chilometri l’anno spesso chiede motori a gasolio”. La scoperta dell’acqua calda: almeno siamo ancora in tempo.

La fine dei motori termici per VW

Ultima modifica: 28 Giugno 2021