Ponti e viadotti, come saranno i controlli in tempo reale

1376 0
1376 0

Dalle verifiche di transitabilità alla valutazione della sicurezza strutturale di ponti e viadotti. Dallo studio delle normative europee di settore alle linee guida sugli interventi manutentivi recentemente emanate dal Mit.

Questi i temi al centro del convegno ‘Gestione ed evoluzione delle infrastrutture stradali esistenti – Monitoraggio e Manutenzione’ in occasione del quale i principali protagonisti del settore si sono dati appuntamento ieri all’Università La Sapienza di Roma.

Sotto la regia del Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo, di Aiscat e con la collaborazione del Mit, concessionari autostradali, esperti di diritto, docenti e tecnici riconosciuti del mondo delle infrastrutture si sono confrontati sulla qualità dei sistemi di controllo attualmente in vigore nel nostro sistema viario. E sull’evoluzione tecnologica, normativa e di processo a cui tendere.

Partendo dalla considerazione che la manutenzione delle infrastrutture stradali e autostradali si presenta oggi come un problema assolutamente attuale coinvolgendo vari aspetti.

Primo fra tutti quello strutturale, con ricadute economiche e gestionali non indifferenti, scopo del confronto è stato quello di mostrare gli importanti passi avanti conseguiti in questi mesi dalle parti coinvolte.

Per dare vita a un sistema di valutazioni, monitoraggi e manutenzione. Condiviso dal punto di vista tecnico e istituzionale, oltre che più trasparente ed efficiente.

Progetto sviluppato insieme al colosso informatico IBM

Con l’obiettivo di evidenzare lo sforzo di collaborazione messo in atto nel 2019 con le istituzioni per trovare modalità condivise di intervento e di gestione del patrimonio infrastrutturale, in quest’occasione Autostrade per l’Italia ha illustrato per la prima volta le caratteristiche dell’innovativo progetto di monitoraggio in tempo reale di ponti e viadotti. E’ stato  sviluppato insieme al colosso informatico IBM.

Ultima modifica: 25 Novembre 2019