Lancia Ypsilon Alberta Ferretti, la personalità della serie speciale | VIDEO

1660 0
1660 0

Dica trentasei. Lancia Ypsilon Alberta Ferretti è la trentaseiesima serie speciale della citycar più chic della storia. Inossidabile, nata nel 1985 come Autobianchi Y10, poi alfiere di Lancia per quattro generazioni e tre milioni di modelli venduti, due dei quali alle donne.

Una edizione speciale l’anno in pratica, nel 1987 l’esordio della Y10 Fila, e sempre un legame fortissimo con la clientela femminile.

Lancia Ypsilon, Alberta Ferretti e Luca Napolitano

Lancia Ypsilon Alberta Ferretti è perfettamente in questo solco. Come la fotografa il CEO Lucan Napolitano.Realizzata da una donna che ama le donne, è un’auto che le donne amano tanto”.

Highlander del mercato, terza assoluta nel 2021, si presenta con i tocchi di classe pura di Alberta Ferretti, icona della moda con il suo stile etereo, essenziale e discreto, votato a far star bene le donne, esaltandone le doti.

Nelle sue parole Alberta Ferretti trasmette la soddisfazione provata nel realizzare la sua Ypsilon. “E’ stato un piacere lavorare con Lancia per un progetto molto vicino al mio sentire. In passato avevo detto di no ad altre proposte di Marchi auto. Stavolta è stato sì,  perché è un’auto per le donne. Lavorare per abbellire e rendere più confortevole un’auto realizzata soprattutto per il pubblico femminile è stato uno stimolo. Piccola, ma elegante: dal colore, agli interni che avvolgono la donna. Quando sono andata a Torino lo studio di design sembrava uno studio di moda. Mi ha motivato vedere gente che lavora sul bello. Quattro i temi: italianità, eleganza, ricerca, sostenibilità. E’ bello quando due aziende italiane si trovano insieme per un prodotto di qualità”.

Il plus a prima vista è il colore Grigio Alberta Ferretti. Si tratta di una tinta iridescente, che fa emergere i punti luce rosa della carrozzeria. Il grigio è il colore storicamente utilizzato da Alberta Ferretti, il rosa ovviamente simboleggia femminilità. 

La serie speciale è disponibile nella tinta pastello Bianco Neve, nel metallizzato Grigio Pietra, nel Nero Vulcano e nel Bicolore Nero che alterna la finitura lucida con quella opaca.

In abitacolo tessuti dei sedili sono rivestiti il Seaqual Yarn, un filato in poliestere di alta qualità, riciclato. I tessuti dei sedili sono infatti ricamati con cucitura a filo continuo Rose Gold, un richiamo alla livrea esterna, a contrasto.

Il monogramma AF, oltre che sulla carrozzeria, anch’esso in Rose Gold, è ricamato sui poggiatesta dei sedili, così come sono in questa stessa tinta molti dei dettagli degli interni: dal calice del volante, alle cornici delle bocchette d’aerazione, dalla gemma cambio alle maniglie interne, ai dettagli della plancia.

Il ricamo dei sedili riprende i bustier di alta moda delle collezioni Alberta Ferretti.

Sotto il vestito

Il motore è nella versione mild hybrid con il 1.0 FireFly 70 CV Start&Stop. Il 3 cilindri è affiancato da un motore elettrico BSG (Belt Integrated Starter Generator) da 12 volt e una batteria al litio dedicata. E anche con  1.2 69 CV GPL, campione di autonomia con 900 km sul ciclo misto con entrambi i serbatoi pieni.

Prezzo e finanziamenti 

Ypsilon Alberta Ferretti  parte da 13.950 euro con il finanziamento di FCA Bank e in caso di permuta o rottamazione. Oppure è disponibile in 36 rate da 149 euro al mese, oltre anticipo, oneri finanziari e rata finale.

Testimonial della campagna Cristiana Capotondi, bella ed elegante come il DNA di Lancia. “La prima auto che ho guidato è stata una Lancia Y10 verde di mia madre. E anche allora era uno status. Mi piace stare al volante, anche quando sono con il mio compagno. L’auto è una grande compagna di viaggio, quando guido mi vengono molte idee. E poi le Lancia poi hanno un legame speciale col cinema, sono un’eccellenza italiana. E Ypsilon si sposa al meglio con la leggerezza e la classe degli abiti di Alberta Ferretti”.

Lancia Ypsilon Alberta Ferretti, la campagna pubblicitaria con Cristiana Capotondi

Lancia Ypsilon Alberta Ferretti, la galleria fotografica

Ultima modifica: 5 febbraio 2022

In questo articolo