Fiat E Ulysse, come va il grande monovolume elettrico. La prova | VIDEO

1063 0
1063 0

Fiat E Ulysse, il ritorno del grande monovolume. Dopo undici anni il Marchio torinese riporta in auge un nome amato, con caratteristiche nuove.

E’ il secondo modello nativo elettrico di Fiat dopo Nuova 500 (qui la prova di QN Motori). Solo a elettroni, come lo ha presentato Eric Laforge, Enlarged Europe LCV Manager di Fiat. “E’ uno dei frutti della storica collaborazione nei veicoli commerciali tra FCA e PSA, che di fatto è stato il fondamento di Stellantis. Negli LCV vogliamo passare da leader dei modelli a metano a leader dei modelli elettrici”.

Scarica ora: Ulysse, il listino prezzi

Il nuovo multispazio nasconde la sua parentela con altri prodotti nati dalla piattaforma EMP2 per l’elettrico, quali Citroen Space Tourer, Peugeot Traveller, Opel Zafira Life e, esterno dal Gruppo, Toyota Proace.

Solo a a batterie, E Ulysse è adibito al trasporto persone, per i fini commerciali, pur con una versione passenger c’è il gemello Scudo (diesel) e E Scudo (EV).

Il grande ritorno è nella versione a passo lungo dell’architettura, con lunghezza di 5,3 metri, larghezza di 1,92 e altezza di 1.89, che permette di entrare in tutti i parcheggi multipiano o sotterranei.

La silhouette richiama gli altri modelli di Stellantis, ma il logo sulla calandra a grandi lettere e dettagli interni ed esterni lo rendono identificabile quale Fiat.

Disponibile in due versioni E Ulysse Shuttle a 59.500 euro e la più lussuosa E Ulysse Lounge, con sedili in pelle e climatizzatore a tre zone, guidatore, passeggero anteriore e area posteriore, e lo scenografico tetto panoramico in vetro, a 66.500 euro.

Ovviamente la differenza la fa in abitacolo, con lo Shuttle che può ospitare fino a 8 posti, con la formula 2-3-3, mentre il Lounge con le due file fronteggianti crea veramente l’ambiente da ufficio o salotto con tanto di mobiletto.

I sedili in ogni modo sono scorrevoli e sganciabili. Il bagagliaio ha una capacità notevole: rispettivamente 900 e 1.500 litri con tutti i posti occupati.

La plancia è sobria e ben consultabile, con quadro strumenti analogico e infotainment su schermo centrale.

Il cuore elettrico è composto dal motore da 136 cavalli di potenza  e 260 Nm di coppia e della batteria da 75 kWh, accreditata di 330 km di autonomia nel ciclo WLTP.

Nel nostro test sulle strade di Torino e dintorni, E Ulysse ha sfoderato un passo felpato. La marcia elettrica di questo mezzo, votato a distanze medio-brevi, ideale per alberghi, associazioni e comunque gruppi che si devono spostare, è davvero piacevole.

Scorre fluido l’Ulysse a elettroni, con grande disinvoltura e un comfort, acustico e di marcia, da primo della classe. Anche agile, nonostante la stazza: lo sterzo permette manovre sullo stretto.

Tre le modalità di guida di Fiat E Ulysse. Eco, con coppia ridotta da 200 Nm per consumare meno energia, Normal e Sport. In città si possono avvicinare i 330 km di raggio d’azione, sul misto la percorrenza resta prossima ai 250/270 km.

La ricarica sopporta fino a 100 kWh, ove possibile, con il recupero dal 10% all’80% della capacità in un’ora. Eccellente per viaggi in totale souplesse, grazie anche a un gradito nuovo dispositivo per la sanificazione, collocabile secondo le esigenze dell’equipaggio.

Fiat E Ulysse, il grande ritorno del monovolume elettrico. Le foto ufficiali.

Ultima modifica: 26 aprile 2022

In questo articolo