FCA e Cina, le manovre di Marchionne. Alfa Romeo e Maserati italiane

5036 0
5036 0

FCA e Cina, la notizia di ferragosto è stata di quelle pesanti per il mondo dell’auto. La manovra di Sergio Marchionne sarebbe di quelle cruciali. Si tratta di rumors, ma l’autorevolezza di Automotive News, che ha lanciato la notizia, è fuori discussione. Ripresa anche da La Stampa e Repubblica, due quotidiani di proprietà di Exor, che guida FCA.

Perché USA ed Europa non sono buoni campi per fusioni di FCA

In sostanza, la prospettiva è verosimile. Ecco perché. FCA non ha alleanze “comode” in Europa o negli USA. Andrebbe a sovrapporre i prodotti, sia con General Motors sia con Volkswagen. La scelta comporterebbe la rinuncia a fabbriche per ottimizzare le sinergie. Produrre auto simili non porterebbe infatti a guadagni di mercato.

Fiat Chrysler Automobiles infatti ha al momenti i suoi mercati chiave in Europa (con Fiat, Alfa Romeo) e USA (Jeep e Maserati). Mentre in Cina di fatto ha una presenza minimale. Una forza sbilanciata.

L’alleanza con i costruttori cinesi aprirebbe le porte a un mercato sterminato

Questa la chiave di volta. Anche se FCA non avrebbe accettato la prima offerta, entrare nel mercato cinese sarebbe la svolta. La rete di concessionari, la diffusione. Oltre alle risorse liquide dei gruppi industriali cinesi.

 

Sarebbe una mossa chiave. Anche se dagli USA, per Chrysler, Dodge e Jeep, potrebbero arrivare degli stop. Ma è proprio Jeep che in questo momento interessa molto ai cinesi.

FCA e Cina, le sportive rimarrebbero fuori. Alfa Romeo, Maserati e Ferrari

L’ipotetica grande alleanza con la Cina non prevederà comunque i marchi sportivi più prestigiosi in mano agli Agnelli. Ferrari da tempo ha già fatto lo spin-off da FCA. Alfa Romeo, in piena fase di rilancio, e Maserati, cresciuta molto negli ultimi anni, promettono di essere profittevoli. Alfa e Maserati rimarranno quindi sotto il controllo diretto della famiglia Agnelli. Marchionne, in uscita programmata a inizio 2019, terrà stretti i suoi gioielli.

Ultima modifica: 15 Agosto 2017